Palermo, cantieri lumaca e nuove polemiche: "L'assessore confonde gli appalti" :ilSicilia.it
Palermo

"Amari cantieri" attacca Maria Prestigiacomo

Palermo, cantieri lumaca e nuove polemiche: “L’assessore confonde gli appalti”

di
19 Maggio 2020

Ritardi e nuove polemiche. Prima le inchieste della magistratura che coinvolgono gli imprenditori Mimmo Costanzo e Concetto Bosco, agli arresti domiciliari a Febbraio 2020 nell’ambito dell’inchiesta Arcot sulla bancarotta di Tecnis; poi lo stop temporaneo ai lavori durante l’emergenza coronavirus. Fatto sta che i cantieri del Collettore fognario di Palermo “Sistema Cala” (appalto denominato “Disinquinamento della fascia costiera dall’Acquasanta al fiume Oreto”) non sono ancora ripartiti a regime.

Proprio a Febbraio documentavamo l’uscita della talpa dal pozzo di via Guardione. Da allora l’Associazione “Amari Cantieri” guidata da Francesco Raffa non ha mollato il suo ruolo di documentazione dei ritardi nell’appalto che – lo ricordiamo – è in mano alla Amec srl, società la cui denominazione sarebbe per la Finanza di Catania l’acronimo di “Ancora Mimmo e Concetto”, ai domiciliari per il crac Tecnis.

Francesco Raffa (comitato Amari cantieri)
Francesco Raffa (comitato Amari cantieri)

La Amec subentrò a Sikelia, acquisendo le quote di Tecnis dentro la Scarl ‘La Cala’, vincitrice dell’appalto da 26 milioni di euro in cui il Comune di Palermo è “stazione appaltante”.

Ma quali sono le ultime novità?

A quanto pare, secondo quanto riferisce l’Associazione Amari Cantieri, «perfino l’assessore alle Infrastrutture del Comune, Maria Prestigiacomo, non saprebbe distinguere gli appalti in corso a Palermo. In una nostra email del 7 maggio – riferisce Francesco Raffa – avevamo chiesto all’assessore novità circa la ripresa dei lavori nel collettore fognario e, in particolare, del via allo scavo della “talpa” dal pozzo situato in Via Roma in prossimità di Via Amari. L’assessore ci rispose così: “I lavori riprenderanno a breve; dalla ditta sono state chieste tutte le autorizzazioni per iniziare giorno 18 maggio e si continuerà con celerità fini alla fine dei lavori”».

cantiere collettore fognario alle spalle del PoliteamaMa ieri, 18 maggio, in cantiere non c’era alcuna attività, né traccia della talpa.

«Lo abbiamo fatto notare alla Prestigiacomo e la sua risposta ci ha lasciato di stucco: “Il cantiere ha iniziato i lavori (come si vede nelle foto allegate) da dietro il Politeama per il semplice motivo che non possiamo essere d’intralcio ai lavori del Passante Ferroviario. Finito questo si procederà ad eseguire la rimanente parte dei lavori  compresi quelli da eseguire con la talpa. Ho semplicemente detto che i lavori sarebbero ripresi e sono ripresi”, si legge nella mail di risposta dell’assessore. Ma ci prende in giro?».

La Prestigiacomo avrebbe scambiato l’Anello col Passante Ferroviario. “Ci potrebbe pure stare che sbagli – prosegue Raffa – e apprezzo sinceramente che l’assessore risponda sempre alla nostre istanze, ma mi sento un po’ preso in giro. Ammesso che sbagli, mi sembra comunque assurdo scambiare i lavori dell’impresa D’Agostino (che si occupa dell’Anello ferroviario) con quelli della Amec (che invece si occupa del collettore fognario). Quello di cui parla lei è lo spostamento dei sottoservizi, non della talpa per il nuovo collettore fognario. Un assessore alle Infrastrutture dovrebbe saperlo. In che mani siamo?», attacca Raffa.

Maria Prestigiacomo

Pronta le replica dell’Assessore che, interpellata da ilSicilia.it, risponde così alle accuse di Raffa: «Mi sembra evidente che quello era un refuso nella mail e non ho scambiato il Passante con l’Anello Ferroviario. Io – afferma Maria Prestigiacomo – non parlavo della talpa, ma dei lavori alle spalle del Politeama che sono necessari per sbloccare quelli successivi. Capisco il disagio dei cittadini per gli anni di ritardo e la via Roma chiusa da tanto tempo. Ma spiace constatare che, nonostante la mia disponibilità, alcune associazioni cercano il pretesto per fare teatrino o creare polemiche inutili».

Quando partirà allora la talpa? «In questo momento non lo so. Siamo in piena emergenza Coronavirus e i cronoprogrammi sono ovviamente cambiati. Se non ci fosse stato il Coronavirus è chiaro che i lavori sarebbero già finiti. Oggi (ieri per chi legge, ndr) in cantiere c’era una ditta subappaltatrice della Amec che stava spostando dei sottoservizi per il collettore di via Turati, in modo da eliminare le interferenze e sbloccare il cantiere dell’Anello. Dopo di questi chiederemo alla Amec di sbloccare più cantieri contemporaneamente e dare il via alla talpa».  

collettore fognario
La talpa – Foto Fb “Amari Cantieri”

Secondo il Rup – l’Ing. Giuseppe Vicari – a Novembre 2019 l’opera era al 70% circa. Nonostante dovesse essere consegnata a gennaio 2018, ha superato i due anni di ritardo. E nonostante il forte interesse per il tema ambientale della Giunta Orlando (si veda la giustificazione dell’introduzione della Ztl), continuiamo a pagare all’Ue una salatissima multa per le procedure di infrazione comunitarie su fognature e depuratori.

«Entro fine novembre 2020 i lavori saranno finiti, come promesso al commissario Rolle», assicura l’assessore.

 

 

LEGGI ANCHE:

Crac Tecnis, ora “trema” pure la Amec: a rischio stop il collettore fognario di Palermo?

Palermo: cambia il traffico, ultimato un cantiere dell’Anello Ferroviario

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.