Palermo capitale dei tatuaggi: più di 100 artisti in arrivo in città | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

Dal 1 al 3 giugno a Isola delle Femmine

Palermo capitale dei tatuaggi: più di 100 artisti in arrivo in città | FOTO-VIDEO

di
3 Maggio 2018

Palermo si prepara alla quinta edizione della convention dedicata ai tatuaggi.

Tra gli oltre cento artisti tatuatori in arrivo in città in occasione della V Palermo Tattoo Convention organizzata dall’associazione Loadink (da venerdì primo a domenica 3 giugno 2018 al Saracen Resort di Isola delle Femmine) ecco gli special guests di quest’anno:

Emanuele Sircana e il suo stile giapponese: titolare del parlour Manulibera a Milano è il maestro del surrealismo giapponese. Dal 2014 modernizza l’iconografia classica dell’estremo oriente con diverse tecniche (tra cui l’uso di pattern e del puntinismo) ma la sua è una continua ricerca che va avanti dal 1998, un lavoro che lo porta a partecipare ad alcune, selezionate, convention nazionali e internazionali. Occasioni che oltre al divertimento restano momenti di confronto e crescita.

luca-natalini-fedezLuca Natalini, il tatuatore di Fedez: ha realizzato il coloratissimo tatuaggio “biorganico” del rapper ovvero un delfino, un’alga e dei denti ma anche molti degli altri che ricoprono il corpo di Fedez. Natalini è uno dei più noti e affermati tatuatori d’Italia, si è formato negli Usa e il suo stile è il “New School”: l’evoluzione del classico tatuaggio a tratto deciso e colori brillanti che raccontano il mondo horror o cartoon grazie alle innovazioni tecniche e strumentali.

koji-yamaguchiKoji Yamaguchi ha scelto l’Italia per amore: arriva dal Giappone già trentenne e resta a Milano, dove affina la tecnica appresa nella scuola di disegno di Tokyo dedicandosi allo stile dei cartoon. Si lascia influenzare da artisti e designer, fumettisti e fotografi e lavora nel suo studio di Milano, l’Oink Farm. Curiosità: il primo tatuaggio che ha visto nella sua vita era quello di un membro della Yakuza, in un bagno pubblico.

massi-novecentoMassi Novecento, il genio del bianco e nero: al secolo Massimo Pellicioli ma “Novecento” è un nome d’arte e un tratto distintivo che arriva dal personaggio protagonista del monologo omonimo di Alessandro Baricco. Il suo stile è inconfondibile: maestro del realistico in bianco e nero, Massi Novecento ritrae e disegna volti, edifici e perfino atmosfere con precisione chirurgica partendo da una fotografia.

marcello-cestraMarcello Cestra e i dettagli d’oro: quando si parla di realismo a colori in Italia si parla di lui, che non si da margini di errore quando esegue i suoi ritratti. Dai volti di personaggi noti a grandi animali esotici, Cetra ha deciso di chiamare il suo stile “realistico dorato” per via di alcuni dettagli in oro inseriti nei complessi disegni che animano i corpi di vip e gente comune che si affida al suo studio di Sabaudia.

simone-phobiaalessandro-pignoliAlessandro “El Tanque” Pignoli e le nuove tradizioni / Simone Phobia e l’esplosione di fiori. Oltre ad aver riletto il Genio di Palermo nella caleidoscopica locandina della Convention 2018, Pignoli e Phobia sono resident artist a Roma. Pignoli si trova stile “New Traditional” che mescola elementi del tatuaggio all’antica con moderni tocchi di colore: cuori, rose, teschi vengono elaborati con colori cupi in un tributo alla vecchia scuola mentre più bei tatuaggi di Phobia sono un trionfo floreale di colori e sfumature. Entrambi special guest di molte convention nazionali e internazionali, sono chiamati a tenere seminari e show performativi.

Il tattoo di Fedez by Luca Natalini
by Marcello Cestra
by Massi Novecento
by Simone Phobia
by Alessandro Pignoli
by Emanuele Sircana
by Emanuele Sircana
by Koji Yamaguchi

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin