Palermo capitale della Cultura: il tavolo di Pistoletto esposto fino a dicembre :ilSicilia.it
Palermo

Sarà il cuore di tutti i principali eventi di confronto

Palermo capitale della Cultura: il tavolo di Pistoletto esposto fino a dicembre

4 Marzo 2018

Bisogna vederlo di presenza il tavolo “Love difference” di Michelangelo Pistoletto per coglierne la potenza evocativa. Nessuna cartina geografica, nessuna foto come questo grande tavolo specchiante restituisce, infatti, il senso di unità del Mar Mediterrraneo, il suo essere liquido primordiale di genti e Paesi.

Un simbolo forte per Palermo Capitale Italiana della Cultura 2018 che fonda il suo progetto sul dialogo e sul sincretismo culturale.

Alla sede della Fondazione Sant’Elia, via Maqueda, 81, il tavolo offerto dall’artista biellese per tutto l’anno è arrivato il 14 febbraio con un allestimento curato da Paolo Falcone, ambasciatore di Pistoletto e direttore artistico della Fondazione Sambuca che ha avuto in affidamento l’opera.

Il tavolo sarà il “cuore” di tutti i principali eventi di confronto interculturale: dai lavori preparatori della Festa della Musica che si terranno tra pochi giorni a quelli del grande Convegno internazionale di filosofia costruito in collaborazione con l’università di Lugano e Lucerna previsto dal 7 al 9 settembre.

Il via ufficiale agli incontri sarà il prossimo 9 marzo alle 15,00 quando il tavolo ospiterà, appunto, il confronto europeo sulla Festa della Musica, nell’ambito di una collaborazione tra Unione Europea, MIBACT e Comune, e in programma a giugno. Attorno al tavolo, esponenti di enti istituzionali e culturali di Francia, Repubblica Ceca, Slovenia, Polonia, Grecia, Germania, Belgio, Ungheria e ambasciata di Francia in Italia.

Il risultato dell’incontro sarà poi presentato il 10 marzo in conferenza stampa sempre a Fondazione Sant’Elia. Sempre il 10 marzo sarà consegnata anche la cittadinanza onoraria della città di Palermo a Michelangelo Pistoletto, uno tra i maggiori artisti contemporanei viventi.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.