Palermo capitale della cultura, ma in Biblioteca comunale i ladri portano via pure la tazza del cesso :ilSicilia.it
Palermo

Contraddizioni e paradossi di una città dal doppio volto

In Biblioteca comunale i ladri portano via pure la tazza del cesso

di
13 Marzo 2017
Palermo e la Sicilia sono terre di paradossi, si sa. E così accade che alla Biblioteca comunale di Casa Professa, riaperta in pompa magna a fine dicembre a seguito dei restauri e dopo un lungo periodo di chiusura, ignoti si siano introdotti in un bagno, rubando tutti i sanitari.

Sì, proprio così. L’episodio è avvenuto alcuni giorni fa e precisamente a San Michele Arcangelo, chiesa annessa al corpo centrale e nella disponibilità della Biblioteca comunale palermitana. Entrando in uno dei gabinetti del pianterreno, in teoria ad uso del pubblico, lo spettacolo che si presenta agli occhi è di una tristezza infinita: in pratica, non c’è più nulla. Non il lavandino, non i rubinetti e nemmeno la tazza del cesso! Insomma, i ladri si sono portati via tutto. Senza dare nell’occhio e nell’assoluto anonimato.

Anonimato, che resterà, forse, tale, se è vero – come pare – che i locali sono dotati di telecamere a circuito chiuso, ma fino ad ora nessuno si sarebbe preso la briga di visionare il contenuto delle registrazioni. Resta da capire se è stata sporta denuncia per il furto e come mai la notizia fino ad ora sia stata mantenuta “riservata”.

Certo è che non è un bel biglietto da visita. Sia perché non si capisce come sia possibile che i ladri entrino indisturbati in uno spazio come la Biblioteca comunale. Sia perché l’immagine di una città proclamata capitale italiana della cultura per il 2018 ne esce un bel po’ appannata.

E non è tutto. Meno male che i ladri si sono limitati a rubare i sanitari di un gabinetto! E infatti, nella sala centrale di San Michele Arcangelo, da tempo è in corso un delicato lavoro di catalogazione di migliaia di volumi (alcuni dei quali particolarmente preziosi), custoditi per anni nei depositi dell’Abbazia di San Martino delle Scale e riconsegnati tempo fa alla Biblioteca. Se i ladri avessero avuto il palato fine avrebbero probabilmente puntato su qualche volume antico (tenuto conto che ve ne sarebbero anche del Cinquecento) e non certo su una tazza e un bidet per rifarsi il gabinetto di casa.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.