Palermo Capitale della Cultura, tra disinteresse e patrimoni da tutelare :ilSicilia.it
Palermo

La riflessione

Palermo Capitale della Cultura, tra disinteresse e patrimoni da tutelare

di
14 Marzo 2018

Qualche giorno fa un sondaggio Doxa ci informava che, al di fuori della Sicilia, si registra una scarsa conoscenza su Palermo come capitale della cultura per l’anno 2018.

A questo si aggiunge l’impressione che questo importante avvenimento sia vissuto dai palermitani in modo superficiale, quasi con distacco, come una questione di cui essere certamente orgogliosi, ma legata essenzialmente all’opportunità di rendere più attrattiva Palermo e la Sicilia e aumentare così il numero dei turisti.

Verrebbe così meno l’obiettivo di offrire, attraverso i suoi “tesori” a chi agisce e vive nella città, una maggiore e completa conoscenza del territorio, della nostra storia, della nostra identità.

Ci sembra questo, invece, l’altro obiettivo da perseguire, incoraggiati anche dai due avvenimenti che hanno caratterizzato il trascorso fine settimana con la massiccia partecipazione di tanti palermitani e di tanti giovani alla Notte Bianca promossa dall’Unesco.

Le visite ai siti arabo-normanni si sono protratte sino a tarda notte, con la Cappella Palatina che ha fatto la parte del leone, seguita dall’enorme successo del video mapping sulla storia del Castello della Zisa in una mescolanza di colori e musica in un contesto che ha fatto rivivere i fasti delle corti normanne.

zisa-palermo
La Zisa

Si parla ormai da anni della mancata valorizzazione e fruizione del nostro patrimonio culturale, storico e ambientale, perfino della sua distruzione. Una realtà che, per fortuna, ha conosciuto un’inversione di tendenza, sia per l’attenzione delle istituzioni ma, soprattutto, per una maggiore sensibilità dell’opinione pubblica, ma certamente non ancora sufficiente.

Le ragioni di questa disattenzione e sottovalutazione sono molteplici, a cominciare dalla scarsa conoscenza dei palermitani, ma il discorso vale per il resto della Sicilia, della ricca stratificazione dei nostri beni culturali. Non si può difendere ciò che non si conosce e pertanto non si può attivare e programmare la possibilità di una loro fruizione.

Peraltro in una fase di appannamento di valori civili e spirituali, la rappresentazione di questa ricca documentazione storica è importante al fine di non smarrire il nostro retroterra culturale, le varie forme di aggregazione sociale con i suoi costumi e modi vivere, l’evoluzione del tessuto economico e sociale e i diversi orientamenti civili e religiosi.

E’ una documentazione che si legge non solo attraverso le produzioni materiali, i manufatti, le opere artistiche letterarie, ma anche attraverso il contesto geografico, ambientale e naturalistico. Sono tutti questi elementi che ci consegnano la realtà e le vicende di un popolo, di una comunità, dalle grandi città ai piccoli centri. I beni culturali parlano e bisogna sapere ascoltare. Da qui il ruolo non solo delle istituzioni, ma delle associazioni, dei centri culturali e delle scuole che su questo terreno devono essere chiamate a dare un prezioso contributo.

Palermo capitale cultura 2018Palermo Capitale diventa cosi l’occasione per stimolare e coinvolgere la maggioranza dei cittadini per un recupero della propria storia locale, regionale e nazionale e quindi della propria identità.

Uno dei pericoli più gravi da cui bisogna guardarsi è il disinteresse, a volte il rifiuto, verso il nostro passato, causa non secondaria di una crisi che non è solo politica ed economica ma anche morale.

Restituire il passato, in particolare alle nuove generazioni è, dunque, importante. Una restituzione critica, non appiattita, non subita, in quanto il passato va conosciuto per essere giudicato e utilizzato per andare avanti, scegliendo le strade più efficaci per migliorarsi.

Infine non va ovviamente sottovalutata il rilievo che i beni culturali assumono a livello economico e al fine di creare nuova occupazione stabile e qualificata.

In una regione come la Sicilia, ma il discorso vale per tutto il Mezzogiorno, priva di materie prime e con un gracile apparato produttivo, i beni culturali sono tra le più importanti risorse economiche. Non è azzardato affermare che gran parte del nostro futuro sviluppo è legato, oltre alle risorse agricole e all’artigianato, a quelle culturali e ambientali da cui dipende anche lo sviluppo del turismo.

costa-sud-ruspaTutti parlano dell’importanza economica del turismo, ma valorizzare questa risorsa, per accrescerla in volume e qualità, ancora troppo distanti da altri poli turistici, significa arrestare il saccheggio del territorio, lotta senza quartiere all’abusivismo edilizio, tutela delle coste, opere di disinquinamento, bonifiche igieniche sanitarie, restauro e riutilizzo funzionale dei nostri monumenti, manutenzione ordinaria e straordinaria degli edifici storici. E l’elenco potrebbe continuare!

Alla luce di queste considerazioni, questa grande opportunità offerta da Palermo capitale della cultura, sul piano politico dovrebbe essere occasione di unità e non di divisione.

A tal proposito si potrebbe pensare alla costituzione di un comitato cittadino che, senza alcuna confusione di ruoli con i compiti che spettano all’Amministrazione comunale, che con un ruolo più attivo del Consiglio comunale possa predisporre un programma più organico e coinvolgente della città, senza trascurare anche quei quartieri e borgate in cui sono presenti testimonianze importanti della nostra storia. E’ questo un terreno alto su cui misurare la qualità della politica a Palermo.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.