"Palermo capitale dell'oscurità", Gelarda: "Da un mese al buio la zona Stazione Centrale" | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

LA DENUNCIA

“Palermo capitale dell’oscurità”, Gelarda: “Da un mese al buio la zona Stazione Centrale” | VIDEO

di
7 Luglio 2018

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

“Palermo capitale dell’oscurità”. È il video-denuncia del consigliere Igor Gelarda, che pochi giorni fa ha annunciato ufficialmente la sua autonomia dal gruppo consiliare M5S, dichiarandosi “indipendente”.

gelardaDa un mese – scrive Gelarda sul social network – Stazione Centrale, via Oreto e le strade limitrofe sono totalmente al buio… Tutta la piazza antistante la Stazione è al buio. Pericolosissimo per la sicurezza dei cittadini, pericolosissimo per i pedoni. Molti di voi non prenderebbero mai in considerazione di venire a quest’ora a fare un in questa zona così scura, vi ci porto io a vedere la realtà e le motivazioni, ingiustificabili, per cui ci troviamo in questa situazione. A me il buio non fa paura e, a quanto pare, al Comune di Palermo non interessa. In Consiglio Comunale ho già sollevato il problema. Un ritardo ingiustificabile da parte di chi dice di saperlo fare…, dice riferendosi al sindaco Leoluca Orlando.

“Dopo l’incendio della cabina elettrica di Vicolo Santa Rosalia (traversa di via Maqueda) che alimentava la zona, questa parte di città è rimasta senza fornitura elettrica. Sono migliaia i cittadini residenti che patiscono di questo disservizio, e decine di migliaia gli automobilisti che passano ogni sera da quella zona che è particolarmente frequentata. Tutta la parte al buio è estremamente pericolosa tanto per i pedoni, a rischio quando attraversano la strada dato il buio pesto, ma anche per la sicurezza dei cittadini. Prostituzione, spaccio di droga, rapine ma anche furti sulle autovetture sono in aumento nella zona. Senza considerare che anche in chiave di prevenzione antiterroristica la zona della stazione è quella che ha un grado di allerta particolarmente elevato. AMG sta attendendo, visto che si tratta di un intervento straordinario, il finanziamento da parte del comune per sistemare il guasto. Purtroppo però il sindaco Orlando è impegnato a bacchettare il Ministro dell’Interno (Salvini, ndr), che vuole portare ordine nella caotica gestione dei migranti in italia, piuttosto che occuparsi di Palermo capitale dell’oscurità. Pensi un po’ ai palermitani e poi, quando avrà risolto almeno un terzo dei problemi di questa città, si potrà dedicare anche ad altro. Nei prossimi giorni, insieme ad alcuni cittadini e ad altri attivisti, organizzeremo un flash mob per illuminare quella zona, sperando simbolicamente di illuminare pure questa amministrazione comunale”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro