Palermo capitale di tutto, anche degli allagamenti mai risolti. Il silenzio di Arcuri e Orlando | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Banner Ortopedia Ferranti
Palermo

Gli allagamenti un problema che attanaglia da sempre il capoluogo siciliano ma che non ha mai spazio durante i comizi dei politici in corsa a sindaco

Palermo capitale di tutto, anche degli allagamenti mai risolti. Il silenzio di Arcuri e Orlando

di
11 Febbraio 2017

allagamenti Volevo scrivere della nomina di Palermo capitale italiana della cultura. Ma la tematica diventata troppo main stream mi ha annoiato. Del resto, nei giorni scorsi avete avuto la possibilità di leggere un interessante articolo, di un noto scrittore, in un noto giornale di cronaca locale, che smonta le euforie dell’imperatore Orlando dei suoi adepti e di coloro che, annebbiati dalla nuova campagna elettorale, cercano qualsiasi pretesto per elogiare l’amministrazione comunale.

Mentre è arrivata la neve qui a Londra, immaginavo quanti morti e quali disagi potrebbero portare nella mia borgata un clima come quello che da sempre ha riempito le pagine di Conan Doyle e dei suoi libri, quasi tutti ambientati nella grigia capitale del Regno Unito.

La scorsa settimana, è piovuto molto a Palermo. Il risultato? Molti quartieri allagati tra cui, come da sempre, Partanna Mondello.

A seguito della pioggia, la situazione nel mio quartiere è la seguente: un fiume in piena che attraversa alcune vie, dove è presente una scuola elementare, anziani, gente comune, che aspetta il defluire dell’acqua per pulire le proprie strade e tornare ad una vita, quasi normale. Ora mi pongo delle semplici domande, le stesse che, credo, ogni politico che ne ha facoltà dovrebbe pensare:
1) Se proprio in quelle ore durante gli allagamenti c’è l’urgenza di un soccorso del 118? Arrivano con l’elicottero?
2) Non esistono situazioni tampone per migliorare queste condizioni che a parer mio sono fuori da ogni norma di legge in paesi civili? Ripeto, ci sta una scuola elementare in queste condizioni.

Ma durante il monologo del sindaco Orlando candidato per l’ennesima volta come primo cittadino di Palermo, nessuna parola in merito alla borgata e agli allagamenti.

Intanto qualche mese fa, stando a quanto scritto in un comunicato stampa inviato dal comune :”sono iniziati i lavori per la  realizzazione di tre vasche di drenaggio e laminazione nell’area  del quartiere di Partanna a Palermo per porre fine agli  allagamenti per l’insufficienza del sistema di smaltimento delle  acque bianche”. Si legge che: “Le acque piovane ruscellanti a causa dell’estesa  impermeabilizzazione dei suoli, determinata dal disordinato  sviluppo edilizio dell’area, verranno convogliate in vasche di  sedimentazione per la eliminazione degli inquinanti”.

Leggendo le pagine di un quotidiano locale, il vicesindaco, Emilio Arcuri,  in prima persona, ha assicurato l’avvio dei lavori. Mi piacerebbe sapere se, durante la mia permanenza in territorio straniero, questi lavori sono davvero partiti e soprattutto quando l’amministrazione comunale al di là della propria campagna elettorale puo’ dare una data esatta per la risoluzione di questo problema che affligge il quartiere da più di 30 anni. Su per giù gli stessi anni, di quelli in cui il sindaco Orlando, ha governato e continua a governare Palermo.

NB. Nella foto, l’inizio dell’avvio ai lavori (?). Presente anche il deputato regionale Edy Tamajo, che ad oggi sostiene la candidatura di Orlando.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti