"Palermo Capitale Italiana della Cultura": il presidente del Comitato Scientifico è Dacia Maraini :ilSicilia.it
Palermo

Il 29 gennaio l'apertura ufficiale degli eventi

“Palermo Capitale Italiana della Cultura”: il presidente del Comitato Scientifico è Dacia Maraini

di
18 Gennaio 2018

La Sala Sciascia di Palazzo Comitini, sede della Città Metropolitana di Palermo, ha visto l’insediamento del Comitato di Pilotaggio del Progetto Palermo Capitale Italiana della Cultura 2018”.

Ne fanno parte, come previsto, il Sindaco Metropolitano Leoluca Orlando, l’Assessore alla Cultura al Comune di Palermo Andrea Cusumano e Dacia Maraini. Quest’ultima, fortemente voluta dal sindaco Orlando, ha accettato l’incarico di presiedere il Comitato Scientifico.

Nel corso dell’insediamento si è proceduto alla conferma del ruolo che svolgerà la Fondazione Sant’Elia come Organismo preposto al Managment del progetto e si è deliberato di chiedere al Governo della Regione Siciliana e al Governo Nazionale di designare un proprio rappresentante che faccia parte dello stesso Comitato.

Orlando, infine, a nome del Comitato di Pilotaggio ha espresso apprezzamento per il coinvolgimento di tutte le istituzioni del settore culturale che hanno accettato, per la prima volta nella storia di Palermo, la proposta della Città di partecipare ad un unico tavolo inter-istituzionale dedicato a Palermo Capitale Italiana della Cultura 2018.

Il via ufficiale al calendario degli eventi è fissato per il 29 gennaio, in attesa della Cerimonia Protocollare che verrà fissata in data successiva, a seguito di interlocuzione in corso fra il Sindaco di Palermo, il Presidente del Consiglio dei Ministri Paolo Gentiloni e il Ministro dei Beni e delle Attività Culturali Dario Franceschini i quali hanno assicurato la loro presenza, compatibilmente con le agende Istituzionali.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.