"Palermo c'è", raccolta benefica per i più piccoli: si parte con 1.200 giocattoli | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Banner Bibo
Palermo

la nota

“Palermo c’è”, raccolta benefica per i più piccoli: si parte con 1.200 giocattoli

di
18 Maggio 2020

Bambole, costruzioni, macchinine e motorini elettrici, action figure e tanto altro saranno destinati a cinque parrocchie e un’associazione per donare ai più piccoli un sorriso o un momento di spensieratezza. E’ l’iniziativa benefica “Palermo c’è” lanciata da tre imprese palermitane, in condivisione con la Caritas diocesana, che raccoglieranno i prodotti per poi distribuirli tramite le parrocchie delle Balate, San Giovanni Apostolo, San Gaetano e Madonna di Lourdes e il Laboratorio Zen Insieme. Ma non solo. A stringere l’accordo con la Caritas diocesana, rappresentata per l’occasione dal don Sergio Ciresi, sono state tre attività commerciali del capoluogo: Sara giocattoli (via Volturno 33/35), Giocheria Leopardi (via Giacomo Leopardi 55/67) e Weppe (via Volturno 27).

I negozi regaleranno 1.200 giocattoli, 200 per ogni realtà legata all’organismo pastorale e all’associazione attiva nel quartiere Zen, per lanciare l’iniziativa che prevede però però una seconda fase. “Palermo c’è” e i palermitani sono in qualche modo chiamati a dare un contributo. Dal 19 maggio al 30 giugno prossimo ognuno potrà infatti acquistare, con finalità benefica, un giocattolo da donare ai bambini più bisognosi.

Per ciascun prodotto comprato, l’attività commerciale ne donerà un altro di pari valore. Quanto raccolto al termine dell’iniziativa verrà poi consegnato alle parrocchie impegnate sul territorio che a loro volta le regaleranno ai piccoli che vivono nella nostra comunità. “Siamo entusiasti di questa iniziativa – dice Giulio Salamone, titolare di Sara giocattoli – che abbiamo voluto fortemente per superare questo periodo difficile per tutti, soprattutto per i bambini meno fortunati. L’obiettivo è quello di regalare un momento di serenità e un sorriso a chi magari non può farcela da solo. Noi abbiamo deciso di fare così la nostra parte, in concomitanza con la riapertura delle attività commerciali e fino all’arrivo dell’estate, e speriamo che la città risponda con altrettanto entusiasmo”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco