Palermo, chiusi giardini e ville comunali: "Provvedimento controproducente, il sindaco lo ritiri" :ilSicilia.it
Palermo

L'appello di Igor Gelarda

Palermo, chiusi giardini e ville comunali: “Provvedimento controproducente, il sindaco lo ritiri”

14 Marzo 2020

“Pur capendo che il Sindaco Orlando sia stato spinto da prudenza nell’ordinare che i parchi e le ville comunali venissero chiusi i fine settimana, tuttavia credo che allo stato attuale questo provvedimento sia inutile se non addirittura controproducente”. Lo dichiara il capogruppo della Lega a Palermo Igor Gelarda.

“Considerato, infatti, che il decreto prevede che si possa fare attività motoria, e che anche i bambini ne hanno diritto, concentrare le persone tutte nelle zone fruibili della Favorita e del parco del Foro Italico rischia veramente di creare assembramenti. A maggior ragione perché la primavera è alle porte e ci saranno delle giornate molto belle.

Grosse realtà come Villa Giulia, Villa Trabia e il Giardino Inglese, fermo restando di quest’ultimo la chiusura della zona giochi, sono una valvola di sfogo importante per i cittadini che vogliono fare due passi. E sono abbastanza grandi da evitare assembramenti di gente, se utilizzati insieme al Parco della Favorita e al Foro Italico. Siamo in una situazione difficile, ma dobbiamo anche valutare un minimo l’impatto psicologico di questi provvedimenti sulle famiglie, considerato che quello economico è stato già devastante,e non sappiamo per quanto tempo saremo costretti a queste restrizioni”, conclude Gelarda.

© Riproduzione Riservata
Tag:
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.