Palermo, cimitero dei Rotoli a rischio: bloccati i lavori al costone roccioso :ilSicilia.it
Palermo

L'opera si ferma al 75%: doveva essere consegnata a luglio

Palermo, cimitero dei Rotoli a rischio: bloccati i lavori al costone roccioso

di
7 Giugno 2018

PALERMO – La società cooperativa Himera di Agrigento ha licenziato i dipendenti impegnati nei lavori di consolidamento del costone roccioso di Monte Pellegrino,  sopra il cimitero dei Rotoli, e ha interrotto i lavori. Dal 25 maggio sono fermi i 7 rocciatori impegnati nella messa in sicurezza del promontorio. I dipendenti avanzano le retribuzioni di aprile e maggio e periodi di CIG del 2016 e di cassa integrazione giornaliera.

L’opera, iniziata nel 2015, era alla scadenza: doveva essere completata entro luglio. Il cantiere è stato smantellato. La Fillea ha scritto all’Amministrazione comunale chiedendo un incontro e adesso sollecita  l’invito.

Francesco Piastra, Fillea Cgil
Francesco Piastra, Fillea Cgil

“Abbiamo chiesto il 21 maggio un incontro con il sindaco Orlando e con l’assessore ai lavori pubblici Arcuri ma non abbiamo avuto risposta – dichiarano per la Fillea Cgil Palermo il segretario generale Francesco Piastra e Salvatore Bono Considerando l’importanza della realizzazione dell’opera, anche ai fini dell’incolumità pubblica, riteniamo opportuno un tavolo tecnico con l’amministrazione, i sindacati e la ditta per valutare se sussistono le condizioni per un’immediata ripresa dei lavori,  scongiurare il pericolo che l’opera possa subire una pesante battuta d’arresto, con il restante 25 per cento della messa in sicurezza da portare ancora a termine, e far rientrare i licenziamenti”. 

drone sul monte pellegrinoL’azienda ha già portato via tutto il materiale, corde, attrezzature e i perforatori pneumatici. “Chiediamo di conoscere il motivo per cui i lavori sono stati bloccati. L’azienda, da quanto sappiamo – dice la Filleavanta dal Comune uno stato di avanzamento di 500 mila euro circa. Ma fino a maggio l’intenzione sembrava quella di portare a compimento l’opera. L’Himera, infatti, ha continuato a investire comprando attrezzature, sono stati effettuati voli con l’elicottero per posizionare in punti strategici i  pannelli, e i voli col drone per controllare lo stato di avanzamento. All’ultimo momento, i fondi sono finiti, e nell’impossibilità di pagare i lavoratori, hanno licenziato tutti”. 

All’inizio del cantiere, erano 23 i rocciatori al lavoro. Poi il numero si è ridotto a 15 e in seguito ancora a 7. Da realizzare il consolidamento della parte a nord, sopra il cimitero dei Rotoli. I lavoratori, che operano in sicurezza in parete anche a oltre 100 metri di quota, hanno eseguito l’ancoraggio delle reti alla parete con barre e cavi, dopo la perforazione della roccia per fissare i pannelli.

I dipendenti  avanzano due mesi di stipendio e alcuni  periodi di CIG giornaliera, la cassa integrazione per lo stop causato da avverse condizioni ambientali come vento e pioggia che impediscono il lavoro in parete. Devono ricevere anche parte della CIG del 2016, quella scattata dopo l’incendio che bruciò Monte Pellegrino, a causa del quale i lavoratori sono stati fermi per più di 4 mesi.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin