Palermo Cinema City: il cinema in piazza torna dal 26 luglio all'1 agosto | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

14 le proiezioni in programma

Palermo Cinema City: il cinema in piazza torna dal 26 luglio all’1 agosto | FOTO

di
19 Luglio 2021

La terrazza di padre Messina, il lungomare di Palermo e una settimana di cinema d’autore. Dal 26 luglio all’1 agosto, torna Cinema City Palermo, la terza edizione del festival del cinema en plein air prodotta dall’associazione Wilder e diretta da Carmelo Galati. La rassegna, grazie al dialogo col presidente dell’Autorità Portuale di Palermo Pasqualino Monti, si sposta nel nuovo waterfront di Palermo, che ha da poco recuperato il porticciolo di Sant’Erasmo.

Rispetto al 2019 e al 2020, quest’anno le proiezioni saranno ben 14, 7 i film e 7 cortometraggi.

Si parte il 26 luglio, alle 21, con “Nati Stanchi”, esordio di Ficarra e Picone; il 27 è in programma “Mediterraneo” di Gabriele Salvatores, per festeggiare il trentennale del film, con la presenza come ospite dello sceneggiatore del film premio Oscar Enzo Monteleone; il 28 il western dal sapore tarantiniano de “Il mio Corpo vi seppellirà” di Giovanni La Parola, che sarà presente con l’attore Domenico Centamore e lo scenografo Marcello Di Carlo; il 29 “C’eravamo tanto amati” di Ettore Scola, con un omaggio a Nino Manfredi per il centenario della sua nascita, celebrato dalla figlia Roberta Manfredi e da Alberto Simone, regista degli ultimi film di Manfredi; il 30 “Pranzo di Ferragosto”, vivace commedia sulla terza età di Gianni Di Gregorio, con la presenza dello sceneggiatore Massimo Gaudioso; il 31 continua la retrospettiva su Ciprì e Maresco con “Enzo, domani a Palermo”, con la presenza di Daniele Ciprì; l’1 agosto chiude “E.T. l’extraterrestre” di Steven Spielberg, un film per bambini “da 0 a 90 anni”. In questo caso gli ospiti saranno Rachid Berradi e i ragazzi del progetto “Lo sport un diritto per tutti” delle scuole di Palermo.

La grande novità di questa edizione, sostenuta dall’Ars, dall’assessorato alle Culture del Comune di Palermo, dagli assessorati regionali al Turismo, Sport e Spettacolo e ai Beni Culturali, e dalla Fondazione Federico II, è la nuova “sezione orizzontale”. Ogni film sarà anticipato da un cortometraggio. Le prime cinque serate saranno aperte dai corti finalisti ai premi David di Donatello del 2021, frutto della media partnership alla prima assoluta tra il festival e Rai Cinema Channel: il 26 luglio “Anne” di Stefano Malchiodi e Domenico Croce; il 27 “Shero” di Claudio Casale; il 28 “Gas Station” di Olga Torrico, il 29 “L’oro di famiglia” di Emanuele Pisano; il 30 “Il gioco” di Alessandro Haber. Le ultime due serate, invece, saranno anticipate da “Asfalto” di Naomi Kikuchi (il 31 luglio) e “Acquasanta” di Gianfranco Piazza e Tito Puglielli (1 agosto), allievi della Scuola Nazionale di Cinema – Centro Sperimentale di Cinematografia – Sede Sicilia, diretto da Costanza Quatriglio, partner per la prima volta della manifestazione.

Dopo una prima edizione 2019 nelle piazze del centro storico e un’edizione 2020 che, nonostante le difficoltà organizzative e i limiti imposti dalla pandemia ha totalizzato più di duemila spettatori, il leitmotiv dell’edizione 2021 è la battaglia in difesa della cultura e dell’arte. Lo esprime la copertina con un soldato che combatte una vera e propria battaglia con una cinepresa in mano, opera pensata dall’artista palermitano Andrea Buglisi.

Le difficoltà del comparto del pubblico spettacolo e degli operatori della cultura non ci ha fermato e siamo tornati e con una terza edizione sempre gratuita che cresce con 7 serate e 14 proiezioni – dice il direttore artistico Carmelo Galati – grazie alle collaborazioni con Rai Cinema Channel e con il Centro sperimentale di cinematografia e al sostegno dei partner istituzionali e privati, anche in un momento così difficile questa edizione si arricchisce nella qualità e nella quantità”.

Tutte le proiezioni inizieranno alle 21. Per l’ingresso è necessario prenotare sul sito Eventbrite.

GUARDA LE FOTO IN BASSO

La locandina
La location
Carmelo Galati, direttore artistico

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.