25 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.14
Palermo

Sabato 12 gennaio

Palermo Classica, in scena Suzana Bartal con gli “Anni di pellegrinaggio” di Liszt | VIDEO

11 Gennaio 2019

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Continua il programma “Palermo Classica Winter” nel segno di Liszt con la pianista rumena Suzana Bartal, nata a Timisoara da una famiglia di artisti ungheresi.

L’appuntamento è per sabato 12 gennaio, alle 21, all’ex oratorio di San Mattia ai Crociferi, sarà lei a riprendere il filo di “Passione e impeto”, il cartellone firmato da Girolamo Salerno; la musicista proporrà una delle opere più popolari del compositore, come “Anni di pellegrinaggio” da cui verranno  eseguite alcune suite.

Dal tocco elegante e preciso la pianista Suzana Bartal, evocherà le sue origini ungheresi, ritrovando in Liszt quel “sentimento del viaggiatore” che è fatto di sogni, passioni e pensieri negli “Années de Pèlerinage”, vera rielaborazione emotiva delle esperienze di viaggio.

La prima parte del concerto è dedicata alla Svizzera, con precisi riferimenti a Byron, Schiller e Sénancour; a seguire poi l’Italia con un’immersione nei versi di Dante e Petrarca.

Entrando nel merito del concerto verranno eseguiti: Anni di Pellegrinaggio, Primo Anno, Svizzera (No. 2 “al Lago di Wallenstadt”, No. 4 “Presso una Sorgente”, No. 5 “Tempesta”, No. 8 “La Nostalgia del Paese natale”, No. 9 “Le Campane di Ginevra”); Anni di Pellegrinaggio, Secondo Anno, Italia (No. 3 “La Canzonetta del Salvator Rosa”, No. 4 “Sonetto 47 del Petrarca”, No. 5 “Sonetto 104 del Petrarca”, No. 6 “Sonetto 123 del Petrarca”, No. 7 “Dante Sonata”).

Suzana Bartal a partire dal 2005 ha ripreso i suoi studi in Francia con Denis Pascal, Pierre Pontier e Florent Boffard a Parigi e Lione al CNSMD e, tra il 2011 e il 2014, alla Yale School of Music con Peter Frankl.

Ha conseguito il dottorato in Arti musicali nel 2018 e ha ricevuto il Harriet Gibbs Memorial Prize. Molti artisti illustri hanno influenzato il suo sviluppo musicale e artistico, da András Schiff, a Leon Fleisher, Paul Lewis, Menahem Pressler, Jean-Claude Pennetier o Matti Raekallio. Recenti esibizioni l’hanno portata alla Beethoven-Haus di Bonn, alla Salle Pleyel e a Radio France a Parigi, alla Merkin Hall di New York e alla Milton Court di Londra e ha realizzato registrazioni su France Musique e WDR (West Deurscher Rundfunk).

Ha suonato moltissimo in Francia, a Venezia e in Romania.

Il programma completo della rassegna sul sito.

 

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.