Palermo, commercianti di via Roma in ginocchio: chiesta sospensione della Ztl diurna :ilSicilia.it
Palermo

LA LETTERA AL SINDACO ORLANDO

Palermo, commercianti di via Roma in ginocchio: chiesta sospensione della Ztl diurna

di
30 Ottobre 2020

Una cinquantina di commercianti di via Roma e strade limitrofe, a Palermo, ha sottoscritto un documento, presentato al sindaco Leoluca Orlando, per l’immediata sospensione della Ztl diurna.

Dopo lo stop alla zona a traffico limitato notturna, i titolari di partite IVA chiedono un ulteriore aiuto per far fronte ai danni causati dall’emergenza coronavirus e dalle limitazioni imposte dall’ultimo DPCM di Giuseppe Conte.

LA LETTERA

Alla luce dell’aumento esponenziale dei casi Covid a Palermo – si legge nel documento – è necessario scoraggiare il più possibile l’utilizzo di mezzi pubblici. Inoltre, la zona di via Roma e le strade nelle vicinanze stanno attraversando un difficile momento commerciale, con centinaia di saracinesche abbassate e altre decine che rischiano la chiusura a breve“.

Ci affacciamo al periodo delle ferie natalizie – scrivono nella lettera a Orlando i commercianti – durante le quali, noi come commercianti, speriamo di recuperare una piccola parte di quanto abbiamo perso durante questo periodo di crisi. Per queste ragioni chiediamo la sospensione della Ztl fino alla cessazione della crisi o almeno fino al 15 di gennaio“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Giotto e i Messicani

Non chiedetevi “cosa potete fare per il vostro paese” ma solamente “A cu appartieni?”. Lo scoglio insulare dove si infrange quello che potrebbe essere il nostro "sogno americano".
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin