Palermo, con la "fase due" tornano Ztl e zone blu: "Il virus si propaga con le polveri sottili" :ilSicilia.it
Palermo

dopo il coronavirus

Palermo, con la “fase due” tornano Ztl e zone blu: “Il virus si propaga con le polveri sottili”

di
7 Maggio 2020

La “fase due” dell’epidemia Coronavirus porta con sé nuove e attese aperture, ritrovate libertà, ma anche vecchi vincoli che erano stati momentaneamente aboliti. Tra questi la Ztl diurna e le zone blu (resta congelata la Ztl notturna).

Sospese con il lockdown, torneranno in vigore il prossimo 18 maggio. Almeno questa è l’intenzione del Comune. L’ordinanza a firma dell’assessore alla Mobilità Giusto Catania sembra essere in dirittura d’arrivo. “Studi autorevoli – dice Catania, senza specificare quali siano – hanno dimostrato che le polveri sottili veicolano la diffusione del virus, sarebbe suicida consentire che l’aumento dei mezzi privati porti a una crescita esponenziale dello smog“.

Zone blu e Ztl, giorni e orari

L’Amministrazione prevede la ripartenza della Ztl dalle 8 alle 20 dal lunedì al venerdì tra piazza Verdi e la stazione e dalla via Messina Marine al Palazzo Reale. Contemporaneamente ripartirà anche la sosta a pagamento lungo le strisce blu, dalle 8 alle 14 e dalle 16 alle 20, da lunedì a sabato.

La scadenza dei pass annuali e semestrali verrà prorogata di due mesi. La Ztl notturna, invece, non sarà riproposta fino a quando non ci sarà di nuovo una movida serale.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Balzebù
di Balzebù

Cancelleri, ma la lista civica non garantisce l’elezione

Il Movimento 5 stelle è ormai un’accozzaglia di correnti. Da un lato Luigi Di Maio, da un altro lato Alessandro Di Battista, da un altro ancora Roberto Fico ed ancora-ancora Paola Taverna. Poi ci sono le sottocorrenti che a loro volta si suddividono in gruppi e sottogruppi. In questo frastagliato mosaico è molto difficile capire dove collocare i pentastellati siciliani, sia quelli eletti al parlamento nazionale che quelli eletti all’Ars.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Giotto e i Messicani

Non chiedetevi “cosa potete fare per il vostro paese” ma solamente “A cu appartieni?”. Lo scoglio insulare dove si infrange quello che potrebbe essere il nostro "sogno americano".
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin