Palermo. Controlli nei locali della movida, i residenti: "il centro storico è diventato un pisciatoio rumoroso" :ilSicilia.it
Palermo

Gli agenti sono intervenuti in sei locali

Palermo. Controlli nei locali della movida, i residenti: “il centro storico è diventato un pisciatoio rumoroso”

di
19 Marzo 2018

Controlli delle forze dell’ordine nei locali della “movida“, a Palermo. Gli agenti della Polizia municipale sono intervenuti, infatti, in sei locali in piazza Sant’Euno, via Pannieri, via Cantavespri, via Discesa dei Giudici e in via Maqueda.

Alla fine degli accertamenti sono state elevate multe per 3.600 euro e due gestori sono stati denunciati per disturbo della quiete pubblica. Come è accaduto ai titolari di due pub in piazza Sant’Euno e in via Discesa dei Giudici, a causa della diffusione di musica all’esterno del locale.

Ormai è un crescendo di segnalazioni da parte dei residenti che vivono proprio nel cuore della movida e che non fanno che lamentare la continua apertura di nuovi locali che generano notevoli disagi per chi abita quei quartieri.

Questo quello che ha scritto ieri, sul proprio profilo Facebook, uno dei residenti, Ermanno Romano, dopo l’operazione delle forze dell’ordine che è avvenuta venerdì sera: “Ci risiamo, dopo l’apertura del terzo pub in via Discesa dei Giudici (3 pub in 20 metri), ecco che ricominciano i problemi con la MALAmovida.

Musica alta dalla mattina alla notte (non è una esagerazione!), tra band e dj set. Dal giovedì alla domenica non c’è speranza per i residenti che vogliono starsene tranquilli a casa propria, e la situazione è destinata a peggiorare in estate, col caldo e le finestre aperte, con la musica che entra in casa senza filtri e non ti permette nemmeno di sentire la TV (non è una esagerazione!)”.

Una situazione difficile da sopportare per gli abitanti del quartiere che sottolineano che da parte dei gestori dei vari locali vi è una quasi totale indifferenza “Degrado morale e culturale, così diffuso che i gestori di questi pub (bravi ragazzi in Discesa dei Giudici) sono genuinamente convinti che non ci sia nulla di grave, che è normale fare musica ad alto volume, anzi grazie a loro, dicono e ci credono, il centro storico si riqualifica, perfino i turisti apprezzano (salvo che poi inspiegabilmente i primi a subire sono i proprietari di hotel, b&b ecc). E sei tu il mafioso che non permetti loro, che sono la maggioranza, di divertirsi (storie realmente accadute)”.

Naturalmente chi subisce questa situazione non può che chiedersi “cosa fa l’Amministrazione? Reprime, sanziona quando gli va, senza però andare alla radice del problema. Che poi, con quale credibilità reprime e sanziona, quando è lei la prima a dare il cattivo esempio organizzando discoteche all’aperto in occasione street food festival, balate sound festival e minchiate varie (fatemelo dire)? E’ un po’ come i vigili che fanno le sacrosante multe per le auto sulle strisce pedonali e poi se gli fai notare che la loro Fiat Punto è sulle strisce ti guardano storto (storie realmente accadute)”.

Le sanzioni sono esigue i presìdi delle interforze dovrebbero durare almeno due settimane per ogni zona e senza soluzione di continuità – afferma Maria Rosaria Annibale residente nel cuore del centro storico, dell’associazione Comitati civici Palermo, che aggiunge – Vanno “educati” tutti, dagli avventori che fanno schiamazzi, ai bevitori che lasciano lattine e bottiglie per strada, dai locali da cui provengono suoni insopportabili fino alle 4 del mattino, a chi occupa il suolo pubblico abusivamente, a chi conferisce fuori orario i sacchi neri con percolato e li deposita a terra e infine la Ztl nei luoghi della movida dovrebbe vigere h 24. 

Nella zona di piazza Rivoluzione e dintorni stanno aprendo nuove taverne e la massa dei bevitori da piazza Garraffello si è trasferita in questa zona. Sergio Marino si era impegnato per il centro storico, invocando la legge Franceschini contro la Bolkestein, a non fare più aprire pub nel centro storico. L’impegno e la programmazione per questa amministrazione che sa solo prendere per il c……. Vergognatevi! Il Centro  – continua la residente – è diventato un “pisciatoio” rumoroso e il degrado è insopportabile, occorre premiare la movida rispettosa delle regole“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin