Palermo, Costantino lascia Forza Italia: "Non sono disposto a fare da zerbino a Orlando" :ilSicilia.it
Palermo

le dichiarazioni del vicepresidente della VII circoscrizione

Palermo, Costantino lascia Forza Italia: “Non sono disposto a fare da zerbino a Orlando”

14 Gennaio 2020

Fabio Costantino, vicepresidente della settima Circoscrizione, lascia Forza Italia.  “Lascio Forza Italia, una compagine che non garantisce più l’opposizione alla Giunta Orlando ma ne è una costola servile, non permettendo neanche la discussione in Aula della mozione di sfiducia contro tale Amministrazione che io e il consigliere di circoscrizione del M5S, Giovanni Galioto, qualche giorno fa avevamo presentato. Un atto politico unico nel suo genere tra tutte le circoscrizioni palermitane“. A riferirlo è il politico vicino all’europarlamentare Giuseppe Milazzo, che proprio all’ultima tornata elettorale ha ottenuto un largo consenso.

Oggi, avevamo chiesto il prelievo della suddetta mozione e permetterne la discussione in Aula. Forza Italia – conclude Costantino – con in testa il suo capogruppo Gottuso, esprime parere contrario, asserendo in modo errato e senza documenti a supporto, che la Circoscrizione non può presentare una mozione di sfiducia contro l’Amministrazione comunale. I consiglieri Puma, Sandovalli e Armetta si sono astenuti, non consentendo in sostanza la discussione. Ricordo che Forza Italia è all’opposizione, e dovrebbe tradurre in fatti concreti il malessere del popolo, scontento dei disastri compiuti da Orlando e sodali. Non prelevando la mozione, non hanno consentito un democratico dibattito in Aula. Per tale motivo passo al Gruppo misto. Forza Italia non è più in grado di ascoltare la gente e io non sono disposto a fare da zerbino a questa Amministrazione, colpevole di un degrado urbano che è sotto gli occhi di tutti”.

Tag:
Cultura
di Renzo Botindari

Musica e Qualità di Vita

Oggi questa città ha più teatri “aperti”, ma nessuno di questi è dotato di una agibilità definitiva per il pubblico spettacolo, nell’attesa di lavori che comportano serie risorse dedicate e destinate alla loro messa in sicurezza. La musica, gli spettacoli meritano e necessitano di spazi propri sia per apprezzarne in pieno la qualità, sia per garantire quella trascurata dalle nostre parti “qualità di vita”, diritto di tutti.