Palermo crisi al Comune, Mattaliano (+Europa): "Pezzi di maggioranza con le valigie pronte" :ilSicilia.it
Palermo

L'intervista

Palermo crisi al Comune, Mattaliano (+Europa): “Pezzi di maggioranza con le valigie pronte”

di
19 Aprile 2021

A finire sul banco degli imputati, non solo il Sindaco di Palermo, Leoluca Orlando. Nell’analisi impietosa del quadro politico che in questi giorni vede protagonista il Comune di Palermo, Cesare Mattaliano, Presidente della Commissione speciale Garanzia e Trasparenza ed esponente di +Europa, tira in ballo alcuni pezzi della maggioranza anche di governo, in primis Italia Viva.

Un malcontento già palesato dal primo cittadino che, dopo la bocciatura del bilancio consolidato e del piano triennale delle opere pubbliche con l’astensione dei renziani, suggerisce e attende le dimissioni dei due assessori, Leopoldo Piampiano e Toni Costumati (quest’ultimo nominato meno di un mese fa). Un’attesa che potrebbe finire con una rimozione forzata da parte di Orlando che non ha digerito l’ipotesi renziana di azzerare la giunta comunale e seguire il modello del governo nazionale Draghi, con l’apertura alla Lega.

Quello che è successo qualche giorno fa – dice Mattaliano – è solo la punta di un iceberg. La maggioranza è sempre più sfaldata, non ha votato gli atti e quando lo faceva lo faceva in maniera risicata. Molti, rendendosi conto del disagio sociale ed economico, stanno facendo le valigie per non attribuirsi responsabilità

Nello specifico, Mattaliano fa riferimento a quanto accade e sta accadendo ai vertici di alcune aziende partecipate del Comune in quota Italia Viva. Dalla Rap, con Giuseppe Norata il cui operato nella gestione rifiuti in città è stato ampiamente criticato dal sindaco, a Michele Cimino, presidente di Amat alle prese con l’ultima vertenza dei lavoratori che vedono compromesso il loro futuro, nulla fa ben sperare in una conclusione positiva della crisi che anzi lascerebbe spazio a due ipotesi. La prima, provocatoria, la lancia lo stesso Orlando che dice: ” Meglio un governo di minoranza che continuare con questo logorio”. La seconda, suggerita da Mattaliano, si appella invece a  un senso di responsabilità delle opposizioni che, pur non entrando in giunta, voterebbero i singoli provvedimenti sempre se in linea con il proprio programma e per il bene della città.

“La richiesta del sindaco al senso di responsabilità, arriva con ritardo. Secondo me, vedere che le cose peggiorano di giorno in giorno, sapere che non si chiuderà in bilancio, vedere crollare aziende e approvare l’inevitabile aumento della Tari è un passo indietro nelle responsabilità che va in capo al sindaco ma anche alla maggioranza. Pensare a una maggioranza come propone Italia Viva con dentro tutti, modello Draghi, mi sembra una follia e noi non ci stiamo assolutamente”.

Mattaliano rimane scettico sia sull’ipotesi di un azzeramento della  giunta che sull’ampliamento della maggioranza. “Posso rispondere di quello che non faremo noi, dalle dichiarazioni degli altri mi sembra improbabile. Mi pare più logico dare vita ad atti amministrativi per dare un segnale, votare atti di responsabilità. Siamo al capolinea e dobbiamo fare gli ultimi atti di grande respiro. Non vogliamo che si consegni una città in fiamme”

Critico anche di fronte alle accuse mosse da Orlando che ha definito il Consiglio comunale in stato confusionale.“Il consiglio non è mai stato messo in condizione di operare bene. Abbiamo sempre ricevuto atti caotici, da approvare con la spada di Damocle. Lo stato confusionale è legato alla maggioranza del sindaco”

Infine Mattaliano è tornato sulla vicenda del Presidente del Consiglio, Totò Orlando. “Nella nota firmata anche da me, si voleva aprire un confronto per calendarizzare da qui a un anno, atti importanti. Dopo qualche ora, la risposta del Presidente è stata garbata e dai toni istituzionali ma il malessere serpeggia“.

Insomma, restano pochi gli spiragli per rimarginare la frattura a Palazzo delle Aquile. Sullo sfondo, il tema della pandemia. Venerdì la Commissione Garanzia e Trasparenza, sentirà il Commissario per per l’Emergenza Covid, Renato Costa. Al centro, i dati sui contagi “ballerini”in città. 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.