Palermo: dal 4 maggio riaprono i cimiteri comunali | LE NUOVE REGOLE :ilSicilia.it
Palermo

LO HA DECISO IL SINDACO ORLANDO

Palermo: dal 4 maggio riaprono i cimiteri comunali | LE NUOVE REGOLE

di
2 Maggio 2020

Il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, ha disposto l’apertura dei cimiteri comunali, a partire da lunedì 4 maggio e sino a nuova disposizione, in applicazione a quanto previsto dall’Ordinanza Contingibile e urgente Presidente Regione Siciliana, n. 18 del 30 aprile scorso.

“Il Comune si era già preparato a questa riapertura graduale e contingentata – dichiara il sindaco – ed ora, alla luce delle decisioni assunte a livello nazionale e regionale, dà ai cittadini la possibilità di tornare a fare visita ai propri cari defunti. Lo faremo con gradualità, chiedendo a tutti il rigido rispetto di norme di prevenzione e precauzione perché questo momento di grande intensità affettiva ed emotiva non sia fonte di pericolo per chi visita il cimitero e per i loro cari. Sono grato agli assessori D’Agostino, Giambrone e Marino e a tutte le strutture comunali ed alle Aziende RAP, Sispi e Reset che con grande collaborazione e sensibilità hanno reso possibile un sistema che, sono certo, permetterà di gestire in modo semplice gli accessi, dando a tutti la possibilità nel tempo di rendere omaggio ai propri defunti”.

sindaco Leoluca OrlandoLE REGOLE

Gli accessi delle persone fisiche, saranno contingentati e consentiti – attraverso prenotazione on line sul sito del Comune – da eseguirsi attraverso 3 fasce orarie, per tutti i giorni della settimana:

  • 8,00/10,00
  • 10,00/12,00
  • 12,00/14,00

Il servizio di prenotazione on line – fanno sapere dalla Sispi – sarà disponibile all’indirizzo https://servizionline.comune.palermo.it, raggiungibile anche dalla Home page del sito istituzionale della Città di Palermo, nel corso della giornata di domani. La prenotazione per i cimiteri potrà essere fatta, sempre a partire da domani, anche tramite Whatsapp unicamente fra le 10.00 e le 12.30 al numero 3488727800.

FUNERALI

Accessi contingentati e consentiti anche per le persone che si recheranno in chiesa per le messe di suffragio ovvero per i funerali (in numero massimo di 15 unità) e per coloro che (in numero massimo di 2/3, in presenza di congiunto sofferente) dovranno presenziare a programmate operazioni di tumulazione, inumazione, raccolta resti e cremazione. In ogni fascia oraria dovrà essere consentito un massimo di:

  • 150 utenti al Cimitero dei Rotoli
  • 40 utenti   al Cimitero Santa Maria di Gesù
  • 40 utenti al Cimitero Cappuccini.

I visitatori, dovranno utilizzare adeguate protezioni delle vie respiratorie. L’ingresso alle auto per soggetti in possesso di tagliando disabili potrà essere consentito, per ciascuna fascia oraria, a 10 auto per il cimitero Rotoli; 5 auto per il cimitero Santa Maria di Gesù. Al cimitero Cappuccini non entrano auto.

Ogni prenotazione potrà essere effettuata per un massimo di 4 componenti; in ogni caso non si potrà superare il limite sopra indicato per ciascuna struttura. Nella prenotazione dovrà essere indicato se si tratta di soggetto che ha diritto ad entrare con il proprio mezzo al cimitero.

cimitero-rotoliLE ALTRE DISPOSIZIONI

Al fine di assicurare adeguate misure organizzative, viene disposto, inoltre, che:

– la struttura comunale del COIME, ove necessario, in raccordo con il Cantiere Comunale, posizionerà un numero adeguato di transenne all’esterno dei cimiteri al fine di consentire, all’occorrenza, un appropriato percorso obbligato per i visitatori mantenendo una adeguata distanza interpersonale;

– i portieri assegnati all’ingresso, verificheranno l’esistenza della prenotazione da remoto con gli elenchi forniti da Sispi;

– ai medesimi portieri deve essere indicato un recapito telefonico per segnalare emergenze, assembramenti e/o comportamenti non consoni alla mitigazione del rischio di contagio;

– la Polizia Municipale assicurerà la presenza in tutti i siti di pattuglie della. P.M. e, compatibilmente con altri servizi d’istituto, la sorveglianza interna dei cimiteri con l’ausilio dei droni in dotazione, e ciò al fine di monitorare il rispetto del divieto di assembramento anche all’interno dei cimiteri;

– la Protezione Civile predisporrà un servizio interno di controllo con i mezzi in dotazione, e ciò in considerazione dell’estensione dei siti.

Il Commissario arcivescovile della Fondazione Camposanto di Santo Spirito, cimitero di Sant’Orsola, in caso di apertura del sito, assumerà analoghe iniziative finalizzate a garantire quanto previsto.

 

 

LEGGI ANCHE:

Palermo, emergenza senza fine ai Rotoli: le bare aumentano e il commissario non esiste

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.