Palermo, davanti la scuola cede il marciapiede ma nessuno interviene, Inzerillo: "Sollecitiamo da febbraio" | Foto :ilSicilia.it
Palermo

in via Bernabei

Palermo, davanti la scuola cede il marciapiede ma nessuno interviene, Inzerillo: “Sollecitiamo da febbraio” | Foto

2 Ottobre 2019
'
'
'
'
'

 

Guarda in alto le foto

Sono state numerose le segnalazioni dei cittadini pervenute al capogruppo di Sicilia Futura al comune di Palermo, Gianluca Inzerillo, sui disagi causati da un marciapiede ceduto proprio davanti la scuola I.C. “G. Verdi” di via Bernabei.

Diverse le istanze raccolte e trasmesse, dalla fine del mese di febbraio, arrivate dai cittadini che lamentavano, oltre il crollo del marciapiede anche problematiche connesse ad aspetti igienico sanitari (scarafaggi e ratti) Per questo già l’1 marzo ho chiesto al Responsabile della U.O. Tecnica “Problem Solving”, Michele Trapani di effettuare un primo sopralluogo”, afferma il consigliere comunale.

Le predette problematiche sono aggravate dal fatto che il dissesto si trova proprio all’ingresso dell’I.C. “G. Verdi” frequentato da bambini e ragazzi di scuola materna, elementare e media.

Numerosi i sopralluoghi effettuati dal geometra Michele Trapani che già il 4 marzo riscontrò “il significativo dissesto del marciapiede, nonché il fatto che la voragine che si è aperta, è stata ricoperta da cartoni e rifiuti” si legge nella relazione tecnica.

A partire da quel momento il consigliere Inzerillo ha sollecitato le autorità competenti, Amap e Rap, per risolvere il problema, ma non avendo avuto alcuna risposta ad aprile hanno effettuato un nuovo sopralluogo da dove è emerso che nessun provvedimento era stato ancora preso, successivamente, finalmente dopo che sono stati rimossi i rifiuti è stato possibile evidenziare “la gravità e l’estensione della voragine“.

Nonostante i solleciti la situazione è rimasta invariata, la scuola è cominciata e la voragine continua a estendersi rappresentando un pericolo per i bambini e per tutte le persone che transitano da quella strada, a questo si aggiunge anche la situazione igienico – sanitaria precaria.

Inoltre, secondo quanto emerso dalla relazione tecnica preparata dal Responsabile della U.O. Tecnica “Problem Solving”, Michele Trapani l’Amap non interverrebbe senza che prima venga pagato il lavoro. “Ma in questo caso si tratta di una scuola comunale – spiega Inzerillo – per tale ragione non ho potuto che scrivere sia all’ufficio di pubblica istruzione e all’edilizia scolastica per intervenire ognuno per quanto di competenza. Ma ad oggi nessuno, almeno a noi, ha risposto“.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Sembra facile?

"A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni". Dal blog Epruno, di Renzo Botindari
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.