Palermo, detenuti a "scuola di giardinaggio" per ripulire l'Oreto :ilSicilia.it
Palermo

si inizia tra un mese

Palermo, detenuti a “scuola di giardinaggio” per ripulire l’Oreto

di
13 Maggio 2018

“Inizieranno delle attività, da parte dei detenuti, per il recupero della vallata del fiume  Oreto. Vogliamo restituirlo tutto ai cittadini insieme alla sua vallata e  fino alla foce. Inizialmente, si partirà con 19 elementi lavorativi per arrivare a 50. Non escludiamo la possibilità di un ulteriore protocollo d’intesa per la manutenzione ordinaria. Palermo è così ricca di aree verdi che pensiamo che il recupero si potrà estendere anche in altri posti”.

Così Santi Consolo, capo del dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria e numero uno nazionale del Corpo della Polizia Penitenziaria, che con il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, ha firmato un protocollo d’intesa per impiegare i detenuti nella cura del verde della valle dell’Oreto e nella raccolta differenziata in città.

“I soggetti impegnati – precisa Consoloverranno opportunamente selezionati, dando garanzie sia in termini di sicurezza e affidabilità che di capacità lavorative. Il tutto sarà preceduto da un corso di formazione. Prevediamo che entro un mese cominceranno a lavorare“.

Il progetto nasce da un protocollo di livello nazionale che contempla il recupero del verde e una maggiore educazione alla raccolta differenziata e al suo riutilizzo.

Lo scopo – conclude Consolo è rafforzare un patto di cittadinanza tra detenuti e centri cittadini, soprattutto metropolitani e ottenere anche dei risparmi consistenti nell’abbattimento delle tasse che paghiamo come amministrazione penitenziaria per la raccolta dei rifiuti”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.