Palermo dice "no" alla violenza sulle donne con un corteo | Video :ilSicilia.it
Palermo

sabato 24 novembre

Palermo dice “no” alla violenza sulle donne con un corteo | Video

di
22 Novembre 2018

Si preannuncia un pomeriggio dalle tonalità rosa quello che caratterizzerà sabato 24 novembre con un lungo corteo che abbraccerà il centro storico di Palermo. Come numerose città italiane, infatti, anche il capoluogo siciliano scende in piazza per protestare contro la violenza di genere, per la libertà delle donne e non solo.

La manifestazione è indetta dall’Assemblea contro la violenza maschile sulle donne, da anni impegnata in un importante percorso di lotta e sensibilizzazione; a dar voce al movimento femminista anche Emma Dante, Giuditta Perriera, Aurora Falcone, Antonella Sampino, Simona Malato, Marzia Coniglio, Chiara Muscato e altri affermati nomi del panorama attoriale palermitano che attraverso un video pubblicato ieri sulla pagina Facebook dell’Assemblea stessa (e divenuto virale in poche ore), dichiarano la loro partecipazione al corteo di protesta, esortando chiunque, senza distinzione di sesso, a fare lo stesso.

L’appuntamento è per sabato, alle 16,30, l’avanzata contro la violenza di genere in tutte le sue forme partirà da piazza Verdi e si concluderà in piazza Pretoria.

 

Guarda il video in basso:

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin