Palermo, disastro ambientale al Parco Cassarà: verso l'avvio dei carotaggi :ilSicilia.it
Palermo

A 4 anni dal sequestro

Palermo, disastro ambientale al Parco Cassarà: verso l’avvio dei carotaggi

di
10 Aprile 2018

PALERMO – Qualcosa lentamente si muove. Forse ci siamo: si avvicina l’esecuzione delle indagini ambientali preliminari nell’area verde del Parco urbano “Ninni Cassarà, sequestrato ormai da 4 anni.

striscia-parco-cassara-petyx
Il video di Striscia

Il più grande polmone verde urbano di Palermo è stato chiuso il 16 aprile 2014 dal Nopa (Nucleo operativo polizia ambientale) su ordine della procura, dopo l’inchiesta di Stefania Petyx per Striscia la Notizia. Scorie industriali e amianto nascosti sottoterra vennero alla luce.

Il Comune ha dato ora il via alla “manifestazione di interesse con procedura negoziata” per l’affidamento dei carotaggi. A distanza di 1.455 giorni dalla sua chiusura, finalmente, si procede all’affidamento del servizio. Il Comune di Palermo, tramite un’indagine di mercato, vuole acquisire manifestazioni di interesse da parte di operatori economici, in possesso dei requisiti di carattere generale e speciale previsti per il conferimento in appalto dei carotaggi da effettuare nel Parco Cassarà, con l’obiettivo di verificarne lo stato di salute e restituirlo alla città.

Gli operatori economici in possesso dei requisiti potranno manifestare il proprio interesse ad essere invitati alla procedura negoziata entro e non oltre le ore 12.00 del giorno 27/04/2018.

Ecco alcune sondaggi realizzati nel 2017:

© Riproduzione Riservata
Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

La rabbia e il giro del corridoio magico

Benvenuti nel mio “corridoio magico” dal quale mi auguro uscirete cambiati grazie all’induzione e all’attivazione dell’energia inconscia che rivoluziona e riassetta i processi spontanei di autoguarigione ed evoluzione
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.