Palermo: discarica di Bellolampo satura. Da domani i rifiuti fuori provincia :ilSicilia.it
Palermo

la nota della Rap

Palermo: discarica di Bellolampo satura. Da domani i rifiuti fuori provincia

9 Settembre 2019

In seguito ad una riunione convocata dal sindaco Leoluca Orlando con la Rap, il vicesindaco Fabio Giambrone e l’assessore all’Ambiente Giusto Catania per conoscere la situazione dell’impianto di Bellolampo (TMB) a seguito dell’esaurimento della VI vasca, l’amministratore unico di Rap, Giuseppe Norata con il dirigente dell’impianto, Pasquale Fradella – si legge in una nota – ha aggiornato il primo cittadino sulla effettiva quantità di rifiuti indifferenziati che tutt’ora risultano presenti nei piazzali. Circa 15 mila tonnellate, e non 70 mila come erroneamente rilevato dall’Arpa e riportato nei giorni scorsi dalla stampa“.

Come ha richiesto il sindaco, nel più breve tempo possibile per scongiurare rischi di qualsiasi tipo – spiega l’amministratore Unico, Giuseppe Norata – abbiamo già iniziato a contrattualizzare con gli impianti individuati dal decreto regionale (di Enna, Alcamo e Lentini) per il conferimento di una parte dei rifiuti indifferenziati di Palermo“.

Domani, 10 settembre, da Bellolampo oltre ai 20 camion che viaggiano per smaltire i rifiuti già trattati partiranno altri 5 mezzi con le prime di 150 tonnellate di rifiuti non trattati.

In work in progress durante la settimana i mezzi a disposizione per tale trasferimento saranno non meno di 10 riuscendo a smaltire più di 2500 tonnellate/giorno.

L’obiettivo – continua Norata – è quello di aumentare più possibile i numeri di viaggi verso le discariche individuate in contrada Grotte San Giorgio Catania – Lentini, Contrada Cozzo Vuturo di Enna e contrada Citrolo di Alcamo eliminando nel minor tempo possibile, con tutti i mezzi disponibili, il surplus giacente nei piazzali“.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona