Palermo: discarica di Bellolampo satura. Da domani i rifiuti fuori provincia :ilSicilia.it
Palermo

la nota della Rap

Palermo: discarica di Bellolampo satura. Da domani i rifiuti fuori provincia

9 Settembre 2019

In seguito ad una riunione convocata dal sindaco Leoluca Orlando con la Rap, il vicesindaco Fabio Giambrone e l’assessore all’Ambiente Giusto Catania per conoscere la situazione dell’impianto di Bellolampo (TMB) a seguito dell’esaurimento della VI vasca, l’amministratore unico di Rap, Giuseppe Norata con il dirigente dell’impianto, Pasquale Fradella – si legge in una nota – ha aggiornato il primo cittadino sulla effettiva quantità di rifiuti indifferenziati che tutt’ora risultano presenti nei piazzali. Circa 15 mila tonnellate, e non 70 mila come erroneamente rilevato dall’Arpa e riportato nei giorni scorsi dalla stampa“.

Come ha richiesto il sindaco, nel più breve tempo possibile per scongiurare rischi di qualsiasi tipo – spiega l’amministratore Unico, Giuseppe Norata – abbiamo già iniziato a contrattualizzare con gli impianti individuati dal decreto regionale (di Enna, Alcamo e Lentini) per il conferimento di una parte dei rifiuti indifferenziati di Palermo“.

Domani, 10 settembre, da Bellolampo oltre ai 20 camion che viaggiano per smaltire i rifiuti già trattati partiranno altri 5 mezzi con le prime di 150 tonnellate di rifiuti non trattati.

In work in progress durante la settimana i mezzi a disposizione per tale trasferimento saranno non meno di 10 riuscendo a smaltire più di 2500 tonnellate/giorno.

L’obiettivo – continua Norata – è quello di aumentare più possibile i numeri di viaggi verso le discariche individuate in contrada Grotte San Giorgio Catania – Lentini, Contrada Cozzo Vuturo di Enna e contrada Citrolo di Alcamo eliminando nel minor tempo possibile, con tutti i mezzi disponibili, il surplus giacente nei piazzali“.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Sembra facile?

"A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni". Dal blog Epruno, di Renzo Botindari
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.