Palermo, doccia fredda sull'Amministrazione Orlando. I revisori bocciano il bilancio 2017 :ilSicilia.it
Palermo

Il parere negativo riguarda molti punti

Palermo, doccia fredda sull’Amministrazione Orlando. I revisori bocciano il bilancio 2017

di
29 Settembre 2018

Doccia fredda sull’amministrazione comunale di Palermo guidata da Leoluca Orlando. Il collegio dei revisori dei conti ha espresso parere negativo sul rendiconto 2017. Il documento deve essere approvato dal Consiglio comunale, ma questa sua bocciatura rappresenta l’ennesima tegola sulla gestione del Comune palermitano, dopo che la Regione aveva nominato un commissario, perché Palazzo delle Aquile non aveva approvato il bilancio entro i termini di legge.

I rilievi mossi dai revisori riguardano molti punti, fra cui ci sono i debiti fuori bilancio che oramai sono una montagna, ma anche l’incapacità a riscuotere i tributi locali e il mancato rispetto della normativa riguardante la tempestività dei pagamenti. Insomma, una bocciatura senza appello. Sul piede di guerra le opposizioni, fra cui il M5s, mentre, informato del parere negativo espresso dal Collegio dei Revisori dei Conti, Orlando ha inviato una nota al Presidente del Consiglio Comunale e allo stesso Collegio, nella quale ha affermato di “prendere atto di quanto esposto con riferimento alle criticità emerse, che – sottolinea – a ben vedere hanno solamente al Fondo Crediti di Dubbia Esigibilità (FCDE), all’incidenza dei residui passivi, nonché al disallineamento crediti/debiti con le società partecipate”.

Il Sindaco ha anche sottolineato che “tali criticità sono ben note” e che è allo stesso tempo noto che l’Amministrazione sta provvedendo alla rimozione delle stesse con idonee misure correttive, tenuto conto della complessità dei fattori incidenti, che abbracciano anche il sistema delle partecipate e della incertezza e modifiche sopravvenute del quadro legislativo unitamente a consistenti tagli di trasferimenti nazionali e regionali”. Dell’avvio di virtuose misure contabili da atto lo stesso Collegio dei Revisori – prosegue Orlando, che fa in particolare riferimento quanto scritto nella relazione.

Con riferimento al FCDE, il Collegio rileva che risulta un maggiore accantonamento rispetto a quello dovuto superiore ai 60 milioni di euro; relativamente al fondo rischi contenzioso, lo stesso Collegio da ancora atto che nel triennio 2018/2020 lo stesso avrà integrale copertura (molto in anticipo rispetto ai 15 anni previsti in seno al riaccertamento straordinario del 2015), così come si da atto dell’apprezzamento espresso in ordine alle misure concrete intraprese ai fini del miglioramento della riscossione delle entrate proprie”.

Infine, dal Sindaco un riferimento ai disallineamenti, per i quali Orlando sostiene che “non può sottacersi la circostanza che nel rendiconto di gestione 2017 risultano già accantonati a tal fine € 28.334.719,00, mentre la differenza, pari ad € 42.494.362,59 sarà accantonata nel bilancio di previsione 2018/2020, che vedrà la luce la settimana prossima”.

Non è la prima volta, si diceva, che si abbatte una scure sul Comune, infatti, ad agosto anche la Corte dei conti ha preso in esame la situazione comunale palermitana, parlando dei rendiconti 2015 e 2016 e scrivendo che “Sono emerse, allo stato degli atti, una serie di anomalie e incongruenze in grado di compromettere la veridicità ed attendibilità del risultato di amministrazione”.

Oggi dalla lettura delle 70 pagine dell’organo di revisione emergono le criticità sul fondo cassa; il ricorso ai debiti fuori bilancio per 40 milioni; l’insufficiente liquidità di cassa con conseguente ricorso all’anticipazione di tesoreria; 456.140.546,00 di anticipo di tesoreria e utilizzo cassa vincolata.

La “patata bollente” adesso passa al Consiglio comunale, quando dovrà votare il rendiconto 2017, ma di certo fra gli annunci e la realtà c’è un abisso.

LEGGI ANCHE:

Rendiconti del Comune di Palermo, per i giudici contabili sono pieni di “anomalie”

 

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.