Palermo: docenti di sostegno precari donano materiale didattico ai bambini dell'istituto “Sperone-Pertini” :ilSicilia.it
Palermo

Una manifestazione di solidarietà

Palermo: docenti di sostegno precari donano materiale didattico ai bambini dell’istituto “Sperone-Pertini”

di
5 Giugno 2020

I docenti precari riuniti da anni in “Insieme per il sostegno”, un’associazione che nasce per promuovere e difendere i diritti dei docenti specializzati sul sostegno e dei bambini con disabilità, oggi, venerdì 5 giugno, hanno donato materiale didattico ai bambini della scuola “Sperone-Pertini” che in queste ultime ore sta pagando un prezzo altissimo.

L’associazione è uno spazio che raccoglie competenze e professionalità ormai indispensabili per la complessità presente nel mondo della scuola e della nostra società. Ne fanno parte centinaia di insegnanti siciliani precari e molte famiglie di ragazzi con disabilità che da anni portano avanti una battaglia di civiltà che passa dalla consapevolezza che la formazione, oggi più che mai, necessita di docenti che abbiano scelto il loro mestiere in maniera consapevole. La precarietà lavorativa ed esistenziale continua, tuttavia, a mortificare uno dei settori in cui lo Stato dovrebbe investire più risorse e coraggio.

Stamattina il direttivo dell’Associazione “Insieme per il sostegno” si è recato all’Istituto Comprensivo Statale “Sperone-Pertini” di Palermo per manifestare solidarietà al Dirigente Scolastico Antonella Di Bartolo, Preside di frontiera che grazie al suo lavoro tenace e coraggioso è riuscita quasi ad azzerare la dispersione scolastica in uno dei quartieri più a rischio di Palermo.

Purtroppo siamo al terzo raid vandalico in un mese all’interno dei vari plessi della scuola. Il più clamoroso quello del 7 maggio in cui i vandali hanno rubato tutta la strumentazione informatica. Un’escalation di violenza che non scoraggia però gli insegnanti ad andare avanti con coraggio e nonostante tutte le difficoltà.

Come si legge in una nota dell’Associazione: “Abbiamo deciso di donare del materiale didattico alla Scuola Pertini-Sperone: quaderni, penne, tempere, cartoncino, matite etc. Conosciamo le difficoltà degli alunni della scuola e il coraggio che ci vuole a non arretrare di un passo da parte della Preside Di Bartolo. Da docenti specializzati sul sostegno conosciamo l’immenso lavoro che è stato posto in essere per garantire l’inclusione a tutte e a tutti. Una scuola di frontiera che va sostenuta con determinazione. E da insegnanti precari non potevamo che essere al fianco dei più deboli, dei bambini soprattutto, ai quali nessuno può ledere, in alcun modo, il diritto allo studio. Come diceva Padre Pino Puglisi: se ognuno di noi fa qualcosa, allora si può fare tanto”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.