Palermo: donna incinta muore in clinica, anche il bambino non ce l'ha fatta :ilSicilia.it
Palermo

ALLA CLINICA TRIOLO-ZANCLA

Palermo: donna incinta muore in clinica, anche il bambino non ce l’ha fatta

di
17 Gennaio 2020

Una donna di 40 anni, Rosalia Nuara, è morta la scorsa notte presso la clinica Triolo Zancla, a Palermo, mentre era ricoverata in attesa di partorire.

IL FATTO

La donna soffriva di diabete ed era in osservazione per portare a termine la gravidanza, giunta al sesto mese. La scorsa notte è andata in arresto cardiaco. I medici hanno tentato di tutto per salvarla.

E’ intervenuto il rianimatore di turno in clinica e sono stati chiamati i rianimatori del 118, ma per la paziente non c’è stato nulla da fare.

Nel corso dei controlli – spiega il medico Luigi Triolo che ha operato la donna – ci siamo accorti che il bimbo era ancora vivo. E così abbiamo eseguito un parto cesareo d’urgenza. Purtroppo la mamma non ce l’ha fatta. Abbiamo fatto l’impossibile per salvarla. Io stesso ho chiesto che venisse effettuata l’autopsia per cercare di risalire alla causa della morte“.

La donna era ricoverata insieme ad altre pazienti. La scorsa notte è andata in bagno. Poco dopo si è sentita male ed è svenuta. Non si è più ripresa.

AGGIORNAMENTO

Il bimbo, che era inizialmente sopravvissuto e poi ricoverato in terapia intensiva all’ospedale Civico, è morto poco dopo. La donna aveva altri due figli.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.