Palermo, dopo 10 anni approvato il Piano regolatore portuale. Sbloccherà progetti e lavori :ilSicilia.it
Banner Bibo
Palermo

Ridisegna il waterfront urbano

Palermo, dopo 10 anni approvato il Piano regolatore portuale. Sbloccherà progetti e lavori

di
20 Luglio 2018

Dopo un lungo iter durato 10 anni, è stato finalmente approvato il PRP (Piano Regolatore Portuale) di Palermo.

Non nasconde il suo entusiasmo il prof. Maurizio Carta, docente di Architettura e Urbanistica all’Università di Palermo, presidente della Scuola Politecnica, che ha contribuito alla sua stesura: «Era il luglio del 2008 quando consegnammo il Piano Regolatore Portuale di Palermo. E oggi – scrive su Facebook – dopo 10 anni in un altro torrido luglio, davanti ad un mare seducente, Pasqualino Monti, Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale dei Mare di Sicilia Occidentale, annuncia la sua approvazione, ottenuta grazie ai suoi modi e alla sua tenacia. È per me un’emozione indicibile, una felicità immensa, un orgoglio smisurato per un progetto a cui sono stato sempre legato anche perché è stato un lavoro corale, intenso, che ha creato e consolidato amicizie, che ha generato ricerche e libri, altri progetti e concorsi, e che da oggi inizierà a produrre effetti concreti sulla vita della città».

SILOSQuali saranno questi effetti concreti? Abbiamo già visto il superamento del contenzioso col Comune e il dissequestro della stazione marittima, poi la demolizione dei vecchi silos, l’attivazione di finanziamenti per oltre 120 milioni, ma anche la messa a punto dei nuovi piani regolatori di Trapani e Porto Empedocle, vecchi di oltre 50 anni. E ancora: definizione del concorso internazionale di idee per la realizzazione dei due terminal sul molo Piave e sul molo Sammuzzo vinto (in attesa delle procedure definitive) dallo studio Valle 3.0 di Roma; coinvolgimento di due società europee (tedesche e finlandese) per la realizzazione del progetto di Smart Port.

“Non parole, ma fatti. Non solo progetti, ma immediata esecuzione delle opere”. Queste le parole d’ordine con quale l’Autorità di Sistema Portuale del Mare di Sicilia occidentale, guidata da Pasqualino Monti, ha lanciato una vera e propria sfida di totale riqualificazione dei quattro porti che ricadono sotto la sua competenza, Palermo, Termini Imerese, Trapani e Porto Empedocle. E lo ha fatto non con documenti programmatori ma con le ruspe che in 9 mesi  tanti ne sono trascorsi dall’insediamento del nuovo presidente – hanno radicalmente trasformato il panorama portuale, procedendo alla demolizione di tutti gli insediamenti inutili, ma anche delle infrastrutture, come i vecchi silos granari, non coerenti con l’obiettivo di fare di Palermo (ma anche di Termini Imerese, Trapani e Porto Empedocle) uno dei principali hub passeggeri del Mediterraneo.

“Operazione questa che non solo ha attirato oggi a Palermo i decision makers delle principali compagnie crocieristiche e dei maggiori armatori di ferries, ma che sta portando a galla per la prima volta una potenzialità unica, quella di concentrare nello stesso porto crociere, ferries passeggeri e grande nautica”. Monti ha quindi lanciato un vero e proprio appello alle grandi compagnie crocieristiche, assumendo impegni infrastrutturali a termine al quale i rappresentanti dei grandi gruppi crocieristici, Carnival (Costa), Msc e Royal Caribbean Cruise line hanno risposto positivamente.

Maurizio Carta
Maurizio Carta

Tra gli obiettivi del PRP anche la valorizzazione di tutta la costa palermitana: «Il PRP – si legge nella relazione del prof. Cartaagisce in sinergia con la pianificazione strategica della città al fine di attivare nuovi progetti urbani per alcune aree limitrofe di grande interesse e soggette alla pianificazione comunale: il Centro Storico come grande sistema complesso in fase di rigenerazione, la foce dell’Oreto e l’ex Deposito Locomotive di Sant’Erasmo, l’ex Gasometro, il Borgo Vecchio, il Carcere dell’Ucciardone e l’area Sampolo-Mercato Ortofrutticolo, la ex Manifattura Tabacchi e la borgata dell’Acquasanta, l’Ospizio Marino e la Tonnara Florio, la ex Chimica Arenella e la borgata.

Tutte queste aree sono individuate dal Piano come preziose “Aree di trasformazione” per il complessivo progetto di rigenerazione del waterfront e, quindi, dell’intera città, come definito nell’ambito dell’attività congiunta tra l’Autorità Portuale e il Comune di Palermo per l’attuazione del Programma Innovativo in Ambito Urbano “Porti&Stazioni”. Su tali aree, nell’ambito dell’intesa con il Comune di Palermo per l’adozione del PRP, saranno individuati indirizzi generali e strategie di intervento in modo che possa essere massimizzata l’interazione città-porto».

«Approvato dopo 10 anni il Piano Regolatore Portuale di Palermo! Sono orgoglioso – aggiunge Carta – da cittadino di una città che torna al suo mare prima che da progettista della nuova città liquida. Grazie alla visione, tenacia e competenza di Pasqualino Monti, presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare di Sicilia Occidentale. Un pensiero grato ad Antonio Bevilacqua che nel 2008 a quel piano ha creduto promuovendolo e portandolo a compimento. Grazie a tutti coloro che con me hanno lavorato perché oggi questo progetto sia la base per il futuro di una parte importante della città, dell’intera città. Da oggi Palermo è di nuovo una città liquida!»

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Il Principe e il Povero

E proprio vero “u saziu nun po' cridiri o diunu, è facile fare la persona di principio con l’appannaggio annuo di 2.000.000 sterline che ti passa to nonna". Fu a quel punto che comprese l’importanza e la fortuna di essere povero

Politica

di Elio Sanfilippo

Il putiferio palermitano del Pd

Il putiferio all’interno del Partito democratico palermitano pare che sia scoppiato in seguito ad una intervista rilasciata dal segretario Rosario Filoramo accusato di autoreferenzialità, di una gestione accentratrice del partito e, soprattutto, di avere lanciato la sua sindacatura a sindaco di Palermo senza alcuna consultazione e riunione degli organismi dirigenti. 

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco