15 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.22
Palermo

tra cultura e convivialità

Palermo, dopo anni di abbandono torna a splendere lo Stand Florio | FOTO

21 Marzo 2019
'
'
'
'
Stand Florio
'
'
'
'
STAND FLORIO - LA SCHEDA

SCORRI LE FOTO IN ALTO

Dopo anni di abbandono e mesi di restauri ritorna a splendere lo Stand Florio, piccolo gioiello della costa Sud di Palermo che si trova in via Messina Marine – 40, che si apre alla città nella veste di “contemporary hub”.

Da circolo della nobiltà palermitana dei primi del Novecento lo splendido edificio liberty oggi diventa simbolo di una possibile rinascita della Costa Sud, nella forma di uno spazio dedicato ad eventi, mostre, esposizioni, degustazioni.

È qui che Vincenzo Florio junior, discendente del capostipite, intorno al 1905, con l’intento di attuare un programma di iniziative sportive, specificatamente nell’area compresa tra la foce dell’Oreto ed il Tiro a Segno, chiese a Ernesto Basile di realizzare un Kursaal, un edificio di grande respiro per sport acquatici, divertimento e socializzazione che nel progetto originario includeva anche un teatro all’aperto che si sviluppava fino alle rive del mare.

Del progetto originario, non andato in porto, oggi sono visibili soltanto l’edificio dello Stand sulla via Messina Marine e quello vicino, destinato al locale per gli scommettitori.

stand florioLo Stand Florio fu utilizzato a lungo per gare di tiro al piccione come si evince dalla targa ancora oggi visibile nella sala posta a piano terra; il primo piano nasceva, invece, come terrazza verso il mare, coperta solo da morbidi tessuti su una leggera intelaiatura in ferro.

È da qui che i tiratori miravano ai dodici piccioni. Quella che nasce come terrazza fu trasformata nello spazio coperto attuale intorno al 1940, con la costruzione di una copertura a padiglione.

Alla morte di Florio Junior la concessione passò agli eredi che la mantennero fino agli anni ’70, e nel ’72 lo Stand ritornò tra le proprietà della Capitaneria di Porto.

STAND FLORIO - LA SCHEDA

Durante la Seconda Guerra Mondiale le attività furono soppresse e lo spazio venne utilizzato come magazzino per le truppe da sbarco, subendo numerosi danni proprio in conseguenza degli eventi bellici. Successivamente venne acquisito dal vicino Ospedale Buccheri La Ferla per farne un solarium. Rimasto inutilizzato per diversi anni, è stato oggetto di  atti di vandalismo quali occupazioni abusive, edificazioni non autorizzate e attività irregolari.

Dopo la gara d’appalto bandita nel  2016, per la sua valorizzazione nell’ambito del progetto “Valore Paese fari ed edifici costieri”, oggi, l’edificio risorge come “contemporary hub”, spazio aperto e volutamente dedicato alla cultura ed alla convivialità.

 

LEGGI ANCHE:

Stand Florio, partiti i lavori di restyling. Sarà un caffè letterario con cinema all’aperto [FOTO]

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.