Palermo: dopo oltre 20 anni, verso la rinascita delle grotte dell'Addaura coi graffiti preistorici | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

Bando da 30 mln per il Monte Pellegrino

Palermo: dopo oltre 20 anni, verso la rinascita delle grotte dell’Addaura coi graffiti preistorici | FOTO

di
5 Luglio 2018

«Finalmente si interviene per mettere in sicurezza a Palermo il Monte Pellegrino». Lo annuncia il presidente della Regione, Nello Musumeci, nella qualità di Commissario di governo per il dissesto idrogeologico, in merito all’appalto delle progettazioni relative agli ‘interventi di consolidamento delle pareti rocciose sovrastanti le aree urbane di Vergine Maria e Addaura’.

Quattro i lotti interessati: zona Nord (855mila euro), zona Nord-Est (510mila euro), zona Centro Orientale (314mila euro) e zona Sud (1,2 milioni di euro). Il bando di gara pubblicato a fine giugno scadrà il prossimo 30 luglio e una volta aggiudicato ci saranno a disposizione sessanta giorni per il progetto definitivo e trenta per quello esecutivo. Successivamente – sempre a cura degli uffici del Commissario contro il dissesto idrogeologico della Regione, diretti da Maurizio Croce – si procederà alla gara d’appalto dei lavori di consolidamento, già finanziati all’interno del ‘Patto per lo sviluppo della Città di Palermo con 30,5 milioni di euro. «Il finanziamento delle progettazioni – spiega il governatore – rientra all’interno del finanziamento per interventi di sicurezza del suolo e delle acque, con l’obiettivo di accelerare i progetti relativi alle opere di tutela del territorio».

Entusiasta il Comune di Palermo che aggiunge: «Torneranno visitabili in sicurezza le tre grotte dell’Addaura, sul fianco nord-orientale di Montepellegrino, che ospitano importanti graffiti rupestri di era preistorica». E’ questo uno dei risultati attesi dai lavori di messa in sicurezza dei costoni della montagna delle periferia nord di Palermo, la cui progettazione andrà a bando nelle prossime settimane.

La progettazione avrà un costo a base d’asta pari a circa 2,8 milioni, mentre gli effettivi lavori di consolidamento 30 milioni. L’intervento restituirà la fruibilità delle tre grotte chiuse ormai da oltre vent’anni (1997); nel frattempo sono divenute preda di vandali che hanno sfregiato alcune delle rarissime incisioni risalenti a circa 12 mila anni fa. La grotta è stata così dichiarata inagibile e posta sotto vincolo per il pericolo di caduta massi.

SFOGLIA IN BASSO LA FOTO-GALLERY:

Sempre nell’ambito degli interventi di mitigazione del rischio e messa in sicurezza dei constoni rocciosi della città, nei prossimi giorni saranno pubblicati anche i bandi relativi alla progettazione degli interventi di: mitigazione del rischio da crollo delle pareti rocciose sovrastanti l’abitato di Boccadifalco; protezione dell’area della colonia estiva comunale e del viale Diana dalla caduta massi delle sovrastanti pareti rocciose; completamento di messa in sicurezza del costone roccioso di Monte Gallo sovrastante l’area urbana di Mondello.

“Complessivamente – affermano il sindaco e l’assessore Arcuri – si tratta di circa 38 milioni di interventi finanziati col Patto per Palermo, che si sommano ad oltre 230 milioni di altri interventi strutturali ed infrastrutturali già realizzati. Un quadro di progetti ed opere che contribuiscono e ancor di più contribuiranno a migliorare la qualità della vita a Palermo, la sicurezza dei cittadini, l’offerta di servizi.”

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti