10 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 21.12
Palermo

Rosy Bindi: "Fu fatto a pezzi e venduto"

Palermo, dopo quasi 50 anni clamorose novità sul furto della Natività di Caravaggio

31 Maggio 2018

Non solo stragi, non solo delitti. La mafia lascia il segno anche nella distruzione della bellezza.

Una nuova pista investigativa porterebbe a credere che “La Natività” di Caravaggio sia sopravvissuta e che il boss di Cinisi, Gaetano Badalamenti, l’abbia messa sul mercato nero delle opere d’arte. Rubata dall’oratorio di San Lorenzo, a Palermo, la notte tra il 17 ed il 18 ottobre 1969, l’opera sarebbe stata rivenduta ad un mercante d’arte svizzero.

Lo rivelano gli approfondimenti e le testimonianze raccolte presso alcuni pentiti dalla Commissione nazionale antimafia della scorsa legislatura, guidata da Rosy Bindi, intervenuta ieri pomeriggio presso l’oratorio di San Lorenzo, al convegno promosso dal Comune di Palermo dal titolo “Il Caravaggio rubato dalla mafia: una storia semplice – L’indagine della Commissione Antimafia”.

“Credo che con gli elementi della nostra inchiesta – ha spiegato Rosy Bindi – l’autorità giudiziaria potrà riaprire l’indagine e chiedere la collaborazione alle autorità internazionali, a partire dalla Svizzera. Auguriamoci di ritrovare almeno un frammento e restituirlo a questa città e a questa chiesa”. La mafia, secondo le risultanze della Commissione antimafia, non comprese il vero valore della tela, che oggi sarebbe stimata intorno ai 30 milioni di euro. Chi la comprò, secondo i collaboratori di giustizia, avrebbe fatto a pezzi “La Natività” per poterla trasportare.

 

Tag:
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Redistribuzione dei migranti? l’Ue fa ciao ciao all’Italia

L'accordo di Malta sull’immigrazione che era stato salutato con toni trionfali da tutto l'asse del governo giallorosa, dal ministro dell'Interno Lamorgese, da Giuseppe Conte e dal Pd, è carta straccia o quasi. Il Consiglio europeo dei ministri degli Interni Ue che si è riunito a Lussemburgo non l'ha ratificato.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.