Palermo, dopo quasi 50 anni risolto il giallo del furto Natività Caravaggio: fatto a pezzi da Cosa nostra :ilSicilia.it
Palermo

Rosy Bindi: "Fu fatto a pezzi e venduto"

Palermo, dopo quasi 50 anni clamorose novità sul furto della Natività di Caravaggio

di
31 Maggio 2018

Non solo stragi, non solo delitti. La mafia lascia il segno anche nella distruzione della bellezza.

Una nuova pista investigativa porterebbe a credere che “La Natività” di Caravaggio sia sopravvissuta e che il boss di Cinisi, Gaetano Badalamenti, l’abbia messa sul mercato nero delle opere d’arte. Rubata dall’oratorio di San Lorenzo, a Palermo, la notte tra il 17 ed il 18 ottobre 1969, l’opera sarebbe stata rivenduta ad un mercante d’arte svizzero.

Lo rivelano gli approfondimenti e le testimonianze raccolte presso alcuni pentiti dalla Commissione nazionale antimafia della scorsa legislatura, guidata da Rosy Bindi, intervenuta ieri pomeriggio presso l’oratorio di San Lorenzo, al convegno promosso dal Comune di Palermo dal titolo “Il Caravaggio rubato dalla mafia: una storia semplice – L’indagine della Commissione Antimafia”.

“Credo che con gli elementi della nostra inchiesta – ha spiegato Rosy Bindi – l’autorità giudiziaria potrà riaprire l’indagine e chiedere la collaborazione alle autorità internazionali, a partire dalla Svizzera. Auguriamoci di ritrovare almeno un frammento e restituirlo a questa città e a questa chiesa”. La mafia, secondo le risultanze della Commissione antimafia, non comprese il vero valore della tela, che oggi sarebbe stimata intorno ai 30 milioni di euro. Chi la comprò, secondo i collaboratori di giustizia, avrebbe fatto a pezzi “La Natività” per poterla trasportare.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.