Palermo, droga a fiumi al Cep, a Partanna Mondello e a Borgo Nuovo: 31 arresti | CLICCA E GUARDA IL VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

il fatto

Palermo, droga a fiumi al Cep, a Partanna Mondello e a Borgo Nuovo: 31 arresti | CLICCA E GUARDA IL VIDEO

di
6 Dicembre 2021

CLICCA PER IL VIDEO

I carabinieri di Palermo hanno eseguito nel corso dell’operazione Pandora un’ordinanza cautelare nei confronti di 31 persone accusate di associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti e spaccio di droga. Di questi 8 sono finiti in carcere, 23 ai domiciliari.

Il provvedimento è del Gip del Tribunale di Palermo su richiesta del procuratore aggiunto Salvatore De Luca della Dda. L’indagine condotta dalla compagnia San Lorenzo tra il 2019 e il 2020 avrebbe permesso di svelare l’esistenza di tre organizzazioni che si rifornivano di droga nel mercato di Ballarò e avrebbero realizzato tre piazze di spaccio a Partanna Mondello, Borgo Nuovo e San Giovanni Apostolo (ex Cep).

Il giro d’affari delle tre organizzazioni sarebbe stato di 500 mila euro ogni anno. I componenti avrebbero utilizzato come basi di spaccio sia i propri appartamenti, ma anche una fitta rete di pusher che garantivano il rifornimento delle dosi su piazza. Un gruppo era specializzato anche nella vendita a domicilio degli stupefacenti ad una fitta rete di clienti soprattutto nel centro del capoluogo.

Alle bande si rivolgevano anche i pusher della provincia di Palermo per rifornirsi. I militari nel corso delle indagini hanno accertato la collaborazione tra i gruppi, soprattutto quando la droga scarseggiava. Le organizzazioni avrebbero avuto a disposizione magazzini, appartamenti ed esercizi commerciali per riunioni nel corso delle quali decidere le strategie, per nascondere e lavorare la droga.

Una delle basi era una macelleria riconducibile ad uno degli arrestati da dove, insieme alla carne e agli insaccati, sarebbe stata smistata una grossa quantità di droga. Nel corso delle indagini sono già state arrestate in flagranza di reato 13 persone e segnalate alla locale Prefettura, quali acquirenti, 6 soggetti e sequestrati 12 chili di stupefacenti e circa 2.000 euro in contanti. Dei 31 arrestati 18 percepivano il reddito di cittadinanza.

Droga, a Palermo eseguiti 4 blitz e 112 arresti in un mese

Nell’ultimo mese sono state eseguite 112 misure cautelari a Palermo nei confronti di indagati nello spaccio di stupefacenti, oltre la metà dei quali percepivano il reddito di cittadinanza. Questo il bilancio delle ultime operazioni antidroga nei diversi rioni del capoluogo: il 2 novembre allo Sperone 58 misure, il 23 novembre alla Vucciria 11 misure; il 30 novembre a Passo di Rigano 12 misure. Questa mattina 31 tra Partanna Mondello, Borgo Nuovo e San Giovanni Apostolo (ex Cep). Di questi, 62 sono stati arrestati, 32 denunciati. Sono state inoltre sequestrate 15 chilogrammi di droga e 500 dosi. Sequestrati anche 8 mila euro. Segnalati 107 clienti alla Prefettura. Il giro d’affari è di 3 milioni di euro. Sui 112 destinatari di misure cautelari, 60 percepivano il reddito di cittadinanza con un esborso per lo Stato di circa mezzo milione di euro annui.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.