Palermo, è caos sulle zone blu. Bonanno (Diventerà Bellissima): "A pagare sono sempre i cittadini" :ilSicilia.it
Palermo

ALL'ATTACCO DELL'AMMINISTRAZIONE COMUNALE

Palermo, è caos sulle zone blu. Bonanno (Diventerà Bellissima): “A pagare sono sempre i cittadini”

di
6 Settembre 2019

Domenico Bonanno, già coordinatore dei giovani di Diventerà Bellissima e componente della direzione regionale del movimento del Presidente Musumeci, attacca l’amministrazione comunale per la decisione di estendere il pagamento del parcheggio nelle zone blu anche alla fascia oraria del pranzo dalle 14 alle 16.

L’amministrazione Orlando continua a fare cassa sulla pelle dei cittadini. Servizi carenti in ogni ambito, strade in condizioni disastrose che al primo temporale diventano fiumi. Per non parlare delle condizioni igienico-sanitarie penose e delle carenze nel servizio di raccolta dei rifiuti. La premiata ditta Orlando-Catania colpisce ancora, a farne le spese sono sempre i palermitani“.

Una città allo sbando, in fondo a tutte le classifiche, nella quale i cittadini vengono dopo gli interessi politici di un Sindaco che parla solo di migranti, che utilizza Palermo come palcoscenico mediatico e non si occupa dei palermitani. Valuteremo – conclude Bonanno – ogni opportuna azione di contrasto nei confronti di questo assurdo provvedimento.”

© Riproduzione Riservata
Tag:
Balzebù
di Balzebù

Cancelleri, ma la lista civica non garantisce l’elezione

Il Movimento 5 stelle è ormai un’accozzaglia di correnti. Da un lato Luigi Di Maio, da un altro lato Alessandro Di Battista, da un altro ancora Roberto Fico ed ancora-ancora Paola Taverna. Poi ci sono le sottocorrenti che a loro volta si suddividono in gruppi e sottogruppi. In questo frastagliato mosaico è molto difficile capire dove collocare i pentastellati siciliani, sia quelli eletti al parlamento nazionale che quelli eletti all’Ars.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Giotto e i Messicani

Non chiedetevi “cosa potete fare per il vostro paese” ma solamente “A cu appartieni?”. Lo scoglio insulare dove si infrange quello che potrebbe essere il nostro "sogno americano".
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin