Palermo è una pattumiera a cielo aperto e la task force di Orlando si rivela un flop :ilSicilia.it
Palermo

Dalle periferie al centro storico

Palermo è una pattumiera a cielo aperto e la task force di Orlando si rivela un flop

2 Luglio 2019

Non è bastato il provvedimento messo in atto dal sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, a partire dal 6 maggio di quest’anno, in cui si chiedeva ai cittadini di fare un patto per ottimizzare la raccolta differenziata dei rifiuti.

Comandante Gabriele Marchese
Comandante Gabriele Marchese

Dalle periferie al centro storico, infatti, i rifiuti continuano a fare da “arredo urbano”, la raccolta differenziata funziona a stento, insomma, la task force annunciata da Orlando sembrerebbe essersi rivelata non adeguata, tanto da portare il sindaco a rivedere i ruoli della macchina amministrativa, e sollevare dall’incarico di comandante della Polizia municipale Gabriele Marchese facendo tornare Vincenzo Messina.

Proprio Marchese aveva convocato per oggi una conferenza stampa per illustrare i dati di questo mese di lotta all’abbandono dei rifiuti, ma la conferenza è stata annullata con un invito formale da parte di alcuni vertici del Comune di Palermo.

Dato tangibile, così come continua a segnalare l’associazione Comitati civici Palermo, è che la città continua a vivere nello stato di “emergenza Rifiuti” con tutto quello che ne comporta sotto il profilo igienico sanitario.

Sabrina FigucciaA non vederci chiaro in tutta questa storia la consigliera comunale dell’Udc, Sabrina Figuccia che ha fatto una richiesta di accesso agli atti: “Sembra essere diventato il giallo dell’estate palermitana: finora, quante multe sono state elevate dai vigili urbani che fanno parte della famosa “task force” voluta dal sindaco Orlando contro chi abbandona rifiuti in strada a tutte le ore del giorno? L’ho chiesto stamattina all’attuale comandante della polizia municipale Gabriele Marchese e allo stesso Orlando con un accesso agli atti ufficiali”, afferma Sabrina Figuccia, consigliere comunale di Palermo dell’Udc, che prosegue: A quanto dice il sindaco, finora, la lotta a chi sporca la città non avrebbe dato i risultati sperati, tanto che, anche per questo motivo, proprio nei giorni scorsi il primo cittadino ha praticamente azzerato i vertici del comando di via Dogali, sollevando dall’incarico sia Marchese che il suo vice Galatioto“.

Finora, però, non abbiamo alcuna certezza sul numero reale delle multe e dei provvedimenti di sequestro adottati dai vigili urbani nei confronti dei mezzi sorpresi ad abbandonare rifiuti ad ogni angolo della città“.

Adesso, attendiamo con ansia di conoscere questi dati, che, secondo alcune voci di corridoio, non corrisponderebbero affatto a quelli resi noti da Orlando. I palermitani aspettano fiduciosi” conclude la Figuccia.

 

LEGGI ANCHE:

Presentato il piano straordinario per la pulizia di Palermo: “Tolleranza zero per chi abbandona”

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Sembra facile?

"A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni". Dal blog Epruno, di Renzo Botindari
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.