19 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 22.34
Palermo

Spieghiamo noi come si fanno i gol giocando per vincere. Lezione 2

Palermo. Ecco come si fanno i gol per vincere le partite.

22 Febbraio 2018

Palermo Lezione 2 . Dato per scontato che l’articolo 10 del regolamento del giuoco calcio ha chiarito definitivamente che per vincere bisogna giocare per vincere e quindi fare un gol in più degli avversari  e non per non prendere gol perchè così gioca il Palermo  ora vogliamo spiegare quel che avrebbe dovuto fare la squadra per raggiungere l’obiettivo finale che è quello, come detto,  di segnare un gol in più degli avversari.

E credo che al contrario di quel che viene fatto fare ai giocatori del Palermo che passano la palla indietro o lateralmente e diciamo mai o quasi mai avanti abbiamo la soluzione al problema e facciamo scoprire come fare gol e vincere le partite  e la vignetta gia da solo è esaustiva.

Punto primo, non fare quel che fanno fare ai calciatori del Palermo di costringerli a prendere o ricevere  la palla spalle alla porta avversaria , o passandola indietro o lateralmente perchè come ben si evince dalla vignetta invece bisogna passare la palla avanti all’attaccante che potendo vedere bene la porta potra scegliere dove indirizzare meglio la sfera per spiazzare il portiere e fare gol.

Come potete vedere meglio nel riquadro riepilogativo in basso nella vignetta …. visto che per tirare in porta bisogna correre verso la porta avversaria  mentre se si è girati si potrebbe erroneamente essere indotti a tirare verso la porta che si vede di fronte ma si sbaglierebbe perchè se segnamo in quella che sono costretti a vedere i nostri attaccanti, è vero che sarebbe gol ma in quel caso non sarebbe un gol per noi ma un’autorete  e non andrebbe bene, per cui come spiega bene la vignetta non guardare mai la nostra porta ma aspettare il passaggio al limite dell’area o dentro l’area “davanti” al nostro piede e con visuale la porta avversaria  a quel punto, come detto, tirare al meglio per superare il portiere e fare gol.

Per cui adesso già sappiamo due cose importanti la prima come documentato nel precedente articolo che in base all’art.10 del regolamento del giuoco calcio vince chi segna almeno un gol in più dell’avversario , la seconda adesso che per segnare bisogna ricevere la palla davanti ai nostri piedi mentre corriamo rivolti verso la porta avversaria, condizione necessaria e fondamentale per potere tirare nella porta giusta per fare gol e farne uno in più degli avversari e vincere la partita.

Presa coscienza di queste due regole …. diffidate da chi vi vuol fare fare cose diverse si vede che non è molto preparato o ha dimenticato le regole e vi farebbe sbagliare e si perderebbero le partite a meno che . come è successo, più volte nel Palermo, nonostante le indicazioni sbagliate giusto per chiarire meglio il concetto, ad esempio,  proprio Gnahorè nel finale di partita ha ricevuto la palla ed invece di passarla indietro o lateralmente avendo studiato le regole bene ha pensato di applicarle e così è scattato in avanti ed arrivato al limite dell’area faccia alla porta giusta ed ha fatto partire una “sassata” ed ha fatto gol e pazienza se l’allenatore si rammaricava che invece non aveva passato indietro ad un compagno che poi l’avrebbe passata al portiere pensando al possesso palla e non prendere gol piuttosto che come ha giustamente, invece, fatto, Gnahorè, e cioè segnare in questo caso il secondo gol che chiudeva definitivamente la partita per 2-0.

Superfluo adesso ricordare nel finale che nel regolamento è chiarissmo che se non fai gol puoi solo pareggiare al massimo se anche gli avversari non te ne hanno fatto gol oppure  perdere se invece ne hanno fatto uno loro più di te.

Ora dovrebbe essere chiaro a tutti perchè si deve giocare solo per vincere e non per non prendere gol che è dunque sbagliato.

Fine della seconda parte . Segue ….. ed in ogni caso forza Palermo !!!!

 

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Cos’è il matrimonio?

Nel matrimonio è assolutamente sbagliato restare insieme a tutti i costi. Le liti possono essere campanelli di allarme prima del disastro e delle tragedie conseguenti a separazioni dettate dall’odio e dalla frustrazione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Lavori “like”

Sono sempre affascinato dalle discussioni che nascono quando il tema riguarda la trasformazione della propria città. Molto spesso si cade nella trappola di far diventare politica tutto quanto accade attorno a noi
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.