Palermo, ecco il 395° Festino di Santa Rosalia: dall'inquietudine al coinvolgimento degli ultimi | Video interviste :ilSicilia.it
Palermo

svelato il carro trionfale e il programma

Palermo, ecco il 395° Festino di Santa Rosalia: dall’inquietudine al coinvolgimento degli ultimi | Video interviste

29 Giugno 2019

Guarda le video interviste in alto 

Il tema del 395° Festino di Santa Rosalia,”L’inquietudine“, già annunciato in precedenza, ha svelato i frutti di questi mesi di lavoro che, a vario titolo, hanno già coinvolto la città.

Carro Trionfale 395° Festino
Carro Trionfale 395° Festino

Tante le peculiarità che contraddistinguono l’edizione 2019, con la direzione artistica di Lollo Franco e Letizia Battaglia, a cominciare dalla costruzione del Carro Trionfale, ideato dallo scenografo Fabrizio Lupo in collaborazione con l’Accademia di Belle Arti, realizzato, per la prima volta nella storia, all’interno della Casa di Reclusione Calogero di Bona Ucciardone, con il coinvolgimento dei detenuti.

L’Inquietudine non è sinonimo di paura, ma di pre-occupazione – ha dichiarato monsignore Corrado Lorefice, Arcivescovo di Palermo – Intelligenze e cuori desti per leggere l’oggi, come lo ha saputo leggere Santa Rosalia addirittura anche dopo la sua morte; l’inquietudine che ci dobbiamo portare tutti dentro è questa, perché da essa possono esserci intelligenza lucida e cuore che resta umano“.

mons. Corrado Lorefice
mons. Corrado Lorefice

Altra novità assoluta sarà la partecipazione di un gruppo di detenuti, insieme ai volontari extracomunitari tradizionalmente presenti, per il traino del Carro Trionfale durante il Corteo.

La Santuzza, come da tradizione, verrà festeggiata già da giorno 10 luglio, fino al 13, con gli appuntamenti delle Manifestazioni a Corollario: tra questi l’evento inaugurale, l’”Offerta della Cera” coordinato dalla Diocesi di Palermo, che da Piazza Pretoria, riunendo in un unico corteo tutte le 120 Confraternite della città, giungerà fino alla Cattedrale.

Tra i momenti più significativi del programma relativo al 14 luglio, al Piano di Palazzo Reale, ci sarà un grande spettacolo che rievocherà, in chiave simbolica, la nascita di Rosalia, con la partecipazione della compagnia catalana Fura dels Baus.

Quest’ultima sarà protagonista, anche, ai Quattro Canti con una performance aerea inedita in Italia, che verrà presentata a Palermo in prima nazionale dopo la prima mondiale in Corea.

Al Piano della Cattedrale, invece, per la prima volta nel cast artistico del Festino la compagnia Transe Express, pionieri dell’arte di strada che, dal loro esordio nel 1982, si sono esibiti in 50 paesi nei diversi continenti, con una performance che sarà un “dialogo tra cielo e terra“; sempre in Cattedrale, per la prima volta, la Santuzza incontrerà il Genio di Palermo.

Il 395° Festino di Santa Rosalia, organizzato con la direzione di Vincenzo Montanelli, rivolgerà anche particolare attenzione alle donne con il concorso fotografico “Festino e dintorni“, ideato da Letizia Battaglia che, il 4 settembre, premierà la foto più significativa scattata durante i festeggiamenti del 2019.

Qui il programma 14 luglio completo.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.