Palermo, ecco il 395° Festino di Santa Rosalia: dall'inquietudine al coinvolgimento degli ultimi | Video interviste :ilSicilia.it
Palermo

svelato il carro trionfale e il programma

Palermo, ecco il 395° Festino di Santa Rosalia: dall’inquietudine al coinvolgimento degli ultimi | Video interviste

di
29 Giugno 2019

Guarda le video interviste in alto 

Il tema del 395° Festino di Santa Rosalia,”L’inquietudine“, già annunciato in precedenza, ha svelato i frutti di questi mesi di lavoro che, a vario titolo, hanno già coinvolto la città.

Carro Trionfale 395° Festino
Carro Trionfale 395° Festino

Tante le peculiarità che contraddistinguono l’edizione 2019, con la direzione artistica di Lollo Franco e Letizia Battaglia, a cominciare dalla costruzione del Carro Trionfale, ideato dallo scenografo Fabrizio Lupo in collaborazione con l’Accademia di Belle Arti, realizzato, per la prima volta nella storia, all’interno della Casa di Reclusione Calogero di Bona Ucciardone, con il coinvolgimento dei detenuti.

L’Inquietudine non è sinonimo di paura, ma di pre-occupazione – ha dichiarato monsignore Corrado Lorefice, Arcivescovo di Palermo – Intelligenze e cuori desti per leggere l’oggi, come lo ha saputo leggere Santa Rosalia addirittura anche dopo la sua morte; l’inquietudine che ci dobbiamo portare tutti dentro è questa, perché da essa possono esserci intelligenza lucida e cuore che resta umano“.

mons. Corrado Lorefice
mons. Corrado Lorefice

Altra novità assoluta sarà la partecipazione di un gruppo di detenuti, insieme ai volontari extracomunitari tradizionalmente presenti, per il traino del Carro Trionfale durante il Corteo.

La Santuzza, come da tradizione, verrà festeggiata già da giorno 10 luglio, fino al 13, con gli appuntamenti delle Manifestazioni a Corollario: tra questi l’evento inaugurale, l’”Offerta della Cera” coordinato dalla Diocesi di Palermo, che da Piazza Pretoria, riunendo in un unico corteo tutte le 120 Confraternite della città, giungerà fino alla Cattedrale.

Tra i momenti più significativi del programma relativo al 14 luglio, al Piano di Palazzo Reale, ci sarà un grande spettacolo che rievocherà, in chiave simbolica, la nascita di Rosalia, con la partecipazione della compagnia catalana Fura dels Baus.

Quest’ultima sarà protagonista, anche, ai Quattro Canti con una performance aerea inedita in Italia, che verrà presentata a Palermo in prima nazionale dopo la prima mondiale in Corea.

Al Piano della Cattedrale, invece, per la prima volta nel cast artistico del Festino la compagnia Transe Express, pionieri dell’arte di strada che, dal loro esordio nel 1982, si sono esibiti in 50 paesi nei diversi continenti, con una performance che sarà un “dialogo tra cielo e terra“; sempre in Cattedrale, per la prima volta, la Santuzza incontrerà il Genio di Palermo.

Il 395° Festino di Santa Rosalia, organizzato con la direzione di Vincenzo Montanelli, rivolgerà anche particolare attenzione alle donne con il concorso fotografico “Festino e dintorni“, ideato da Letizia Battaglia che, il 4 settembre, premierà la foto più significativa scattata durante i festeggiamenti del 2019.

Qui il programma 14 luglio completo.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin