Palermo, ecco il 395° Festino di Santa Rosalia: dall'inquietudine al coinvolgimento degli ultimi | Video interviste :ilSicilia.it
Palermo

svelato il carro trionfale e il programma

Palermo, ecco il 395° Festino di Santa Rosalia: dall’inquietudine al coinvolgimento degli ultimi | Video interviste

di
29 Giugno 2019

Guarda le video interviste in alto 

Il tema del 395° Festino di Santa Rosalia,”L’inquietudine“, già annunciato in precedenza, ha svelato i frutti di questi mesi di lavoro che, a vario titolo, hanno già coinvolto la città.

Carro Trionfale 395° Festino
Carro Trionfale 395° Festino

Tante le peculiarità che contraddistinguono l’edizione 2019, con la direzione artistica di Lollo Franco e Letizia Battaglia, a cominciare dalla costruzione del Carro Trionfale, ideato dallo scenografo Fabrizio Lupo in collaborazione con l’Accademia di Belle Arti, realizzato, per la prima volta nella storia, all’interno della Casa di Reclusione Calogero di Bona Ucciardone, con il coinvolgimento dei detenuti.

L’Inquietudine non è sinonimo di paura, ma di pre-occupazione – ha dichiarato monsignore Corrado Lorefice, Arcivescovo di Palermo – Intelligenze e cuori desti per leggere l’oggi, come lo ha saputo leggere Santa Rosalia addirittura anche dopo la sua morte; l’inquietudine che ci dobbiamo portare tutti dentro è questa, perché da essa possono esserci intelligenza lucida e cuore che resta umano“.

mons. Corrado Lorefice
mons. Corrado Lorefice

Altra novità assoluta sarà la partecipazione di un gruppo di detenuti, insieme ai volontari extracomunitari tradizionalmente presenti, per il traino del Carro Trionfale durante il Corteo.

La Santuzza, come da tradizione, verrà festeggiata già da giorno 10 luglio, fino al 13, con gli appuntamenti delle Manifestazioni a Corollario: tra questi l’evento inaugurale, l’”Offerta della Cera” coordinato dalla Diocesi di Palermo, che da Piazza Pretoria, riunendo in un unico corteo tutte le 120 Confraternite della città, giungerà fino alla Cattedrale.

Tra i momenti più significativi del programma relativo al 14 luglio, al Piano di Palazzo Reale, ci sarà un grande spettacolo che rievocherà, in chiave simbolica, la nascita di Rosalia, con la partecipazione della compagnia catalana Fura dels Baus.

Quest’ultima sarà protagonista, anche, ai Quattro Canti con una performance aerea inedita in Italia, che verrà presentata a Palermo in prima nazionale dopo la prima mondiale in Corea.

Al Piano della Cattedrale, invece, per la prima volta nel cast artistico del Festino la compagnia Transe Express, pionieri dell’arte di strada che, dal loro esordio nel 1982, si sono esibiti in 50 paesi nei diversi continenti, con una performance che sarà un “dialogo tra cielo e terra“; sempre in Cattedrale, per la prima volta, la Santuzza incontrerà il Genio di Palermo.

Il 395° Festino di Santa Rosalia, organizzato con la direzione di Vincenzo Montanelli, rivolgerà anche particolare attenzione alle donne con il concorso fotografico “Festino e dintorni“, ideato da Letizia Battaglia che, il 4 settembre, premierà la foto più significativa scattata durante i festeggiamenti del 2019.

Qui il programma 14 luglio completo.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.