12 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 09.27
Palermo

svelato il carro trionfale e il programma

Palermo, ecco il 395° Festino di Santa Rosalia: dall’inquietudine al coinvolgimento degli ultimi | Video interviste

29 Giugno 2019

Guarda le video interviste in alto 

Il tema del 395° Festino di Santa Rosalia,”L’inquietudine“, già annunciato in precedenza, ha svelato i frutti di questi mesi di lavoro che, a vario titolo, hanno già coinvolto la città.

Carro Trionfale 395° Festino
Carro Trionfale 395° Festino

Tante le peculiarità che contraddistinguono l’edizione 2019, con la direzione artistica di Lollo Franco e Letizia Battaglia, a cominciare dalla costruzione del Carro Trionfale, ideato dallo scenografo Fabrizio Lupo in collaborazione con l’Accademia di Belle Arti, realizzato, per la prima volta nella storia, all’interno della Casa di Reclusione Calogero di Bona Ucciardone, con il coinvolgimento dei detenuti.

L’Inquietudine non è sinonimo di paura, ma di pre-occupazione – ha dichiarato monsignore Corrado Lorefice, Arcivescovo di Palermo – Intelligenze e cuori desti per leggere l’oggi, come lo ha saputo leggere Santa Rosalia addirittura anche dopo la sua morte; l’inquietudine che ci dobbiamo portare tutti dentro è questa, perché da essa possono esserci intelligenza lucida e cuore che resta umano“.

mons. Corrado Lorefice
mons. Corrado Lorefice

Altra novità assoluta sarà la partecipazione di un gruppo di detenuti, insieme ai volontari extracomunitari tradizionalmente presenti, per il traino del Carro Trionfale durante il Corteo.

La Santuzza, come da tradizione, verrà festeggiata già da giorno 10 luglio, fino al 13, con gli appuntamenti delle Manifestazioni a Corollario: tra questi l’evento inaugurale, l’”Offerta della Cera” coordinato dalla Diocesi di Palermo, che da Piazza Pretoria, riunendo in un unico corteo tutte le 120 Confraternite della città, giungerà fino alla Cattedrale.

Tra i momenti più significativi del programma relativo al 14 luglio, al Piano di Palazzo Reale, ci sarà un grande spettacolo che rievocherà, in chiave simbolica, la nascita di Rosalia, con la partecipazione della compagnia catalana Fura dels Baus.

Quest’ultima sarà protagonista, anche, ai Quattro Canti con una performance aerea inedita in Italia, che verrà presentata a Palermo in prima nazionale dopo la prima mondiale in Corea.

Al Piano della Cattedrale, invece, per la prima volta nel cast artistico del Festino la compagnia Transe Express, pionieri dell’arte di strada che, dal loro esordio nel 1982, si sono esibiti in 50 paesi nei diversi continenti, con una performance che sarà un “dialogo tra cielo e terra“; sempre in Cattedrale, per la prima volta, la Santuzza incontrerà il Genio di Palermo.

Il 395° Festino di Santa Rosalia, organizzato con la direzione di Vincenzo Montanelli, rivolgerà anche particolare attenzione alle donne con il concorso fotografico “Festino e dintorni“, ideato da Letizia Battaglia che, il 4 settembre, premierà la foto più significativa scattata durante i festeggiamenti del 2019.

Qui il programma 14 luglio completo.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Palermo dai Capelli Rossi

Non sono qui oggi a parlarvi della prostituzione, non voglio mettere al centro dell’attenzione storie di novelle “bocca di rose” poiché il discorso sarebbe troppo complesso... Parlo di Palermo e dei suoi look diversi...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Non aprite quella pentola…

Vi sono diverse variabili che interferiscono con la comunicazione fra individui. Il livello di intimità raggiunto e il linguaggio del rifiuto utilizzato possono contribuire alla percezione distorta dei fatti e alla creazione di pregiudizi ed equivoci. Tutto dà voce a quei pensieri che sono fuori dalla consapevolezza.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.