Palermo: educazione alla cittadinanza, venerdì appuntamento con Giovani Istituzioni :ilSicilia.it
Palermo

Venerdì 11 ottobre

Palermo: educazione alla cittadinanza, venerdì appuntamento con Giovani Istituzioni

9 Ottobre 2019

Venerdì 11 ottobre alle ore 10 a Palermo, presso sala d’Ercole, sarà presentata alla stampa e ad una rappresentanza di scuole isolane la “ Gazzetta Ufficiale delle Giovani Istituzioni ”, la raccolta dei disegni di legge presentati, discussi e votati dagli studenti nell’ambito del progetto, realizzato col contributo della Fondazione Federico II.

Elena Pagana
Elena Pagana

L’iniziativa, nata da un’idea della deputata del Movimento 5 Stelle Elena Pagana, e che ha permesso a centinaia di studenti siciliani di calarsi nelle vesti dei parlamentari regionali, volge alla conclusione.

Saranno presenti il presidente dell’Ars, Gianfranco Miccichè, il presidente della Regione, Nello Musumeci, l’assessore alla Pubblica istruzione Roberto Lagalla, il direttore generale della Fondazione Federico II, Patrizia Monterosso e il direttore, facente funzioni dell’Ufficio scolastico regionale, Raffaele Zarbo.

Giovani Istituzioni è un progetto rivolto agli alunni delle primarie e agli studenti delle quinte classi delle superiori, di educazione alla cittadinanza. Al suo avvio era stato prefissato un ambizioso obiettivo: formare ed educare i cittadini di domani.

L’iniziativa sperimentale consisteva in un percorso didattico fatto di incontri nelle scuole sul funzionamento delle istituzioni, di lezioni sul diritto costituzionale e regionale fino alla simulazione dell’iter per l’approvazione di una legge: dalla redazione di un disegno di legge al voto in aula.

Palermo, #giovanIstituzioni

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“C’è un Uomo Solo al Comando”

Atteso quanto diceva il buon Bracardi quando asseriva che “l’uomo è una bestia”, nella sua bestialità questi sbaglia sempre allo stesso modo, pertanto, la memoria non deve essere soltanto rancorosa, ma deve servire per capire e andare avanti per non commettere gli stessi errori. Il perdono è un'altra cosa.