Palermo, emergenza rifiuti: costituito tavolo permanente su Bellolampo :ilSicilia.it
Palermo

A PRESIEDERLO L'ASSESSORE GIUSTO CATANIA

Palermo, emergenza rifiuti: costituito tavolo permanente su Bellolampo

di
4 Settembre 2019

E’ stato istituito presso il comune di Palermo il tavolo permanente, presieduto dall’assessore all’Ambiente Giusto Catania, per affrontare e risolvere le criticità connesse all’impianto di Bellolampo.

Stiamo collaborando con la Regione siciliana, in particolare con l’assessore Alberto Pierobon, per trovare soluzioni condivise al fine di prevenire il paventato rischio ambientale rappresentato nella relazione di Arpa – dichiara Giusto Catania – inoltre stiamo verificando la eventuale disponibilità economica della Regione per garantire la veloce fuoriuscita dei rifiuti dal Bellolampo che, a seguito della chiusura della sesta vasca, sono confinati nell’area del Tmb“.

In data odierna gli uffici dell’assessorato all’ambiente hanno predisposto un’ordinanza sindacale ai sensi dell’art. 191 del testo unico ambientale e hanno inviato il testo all’Arpa e all’Asp per il parere di competenza. Nell’ordinanza si interviene al fine di eliminare parzialmente alcune delle criticità.

In particolare la Rap viene autorizzata ad occupare in via immediata e temporanea l’area denominata “ex Unieco” presso il Polo Impiantistico di Bellolampo, per l’installazione di un impianto di tritovagliatura mobile in supporto al Tmb e di un impianto di biostabilizzazione della frazione organica di sottovaglio, in uscita dal predetto tritovagliatore.

I nuovi impianti saranno operativi nel giro di pochi giorni e sono autorizzati a trattare un quantitativo di rifiuti massimo in ricezione pari a 600 tonnellate al giorno. La Rap è autorizzata a depositare presso la VI vasca, in atto esaurita, il sottovaglio biostabilizzato opportunamente miscelato a terre ed inerti in quantità di almeno il 50%, al fine di realizzare la copertura definitiva delle stessa vasca, regolarizzando i profili per la sicurezza morfologica e quindi raggiungere la sagoma definitiva idonea per le successive attività di capping, chiusura e messa in sicurezza, previa verifica di compatibilità geotecnica.

Ciò consentirà di liberare l’area del Tmb di circa 2.500 tonnellate di sottovaglio che sarà inserito nelle biocelle. Infine, Rap viene autorizzata al deposito preliminare di “ecoballe” del sopravaglio presso un’area interna alla piattaforma impiantistica denominata area “ex inerti”.

Con questa ordinanza, che sarà sottoposta alla firma del Sindaco Leoluca Orlando appena giungeranno i pareri dovuti di Arpa e Asp, l’area del Tmb di Bellolampo sarà liberata di circa 9.000 tonnellate di rifiuti – sottolinea Catania – e questo rappresenta una parziale soluzione per eliminare buona parte delle criticità emerse in questi giorni. Il tavolo permanentemente riunito, in connessione con la Regione, sta valutando ulteriori soluzioni per la fuoriuscita da Bellolampo del rifiuto non trattato“.

Per il sindaco Leoluca Orlando, si tratta di “una conferma di quanto sia importante la partecipazione di tutti per una città sempre più vivibile, una città vissuta come “bene comune” da amare e far crescere nell’interesse di tutti coloro che ne vivono con amore bellezze e criticità“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

La rabbia e il giro del corridoio magico

Benvenuti nel mio “corridoio magico” dal quale mi auguro uscirete cambiati grazie all’induzione e all’attivazione dell’energia inconscia che rivoluziona e riassetta i processi spontanei di autoguarigione ed evoluzione
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.