Palermo, emergenza senza fine ai Rotoli: le bare aumentano e il commissario non esiste :ilSicilia.it
Palermo

il fatto

Palermo, emergenza senza fine ai Rotoli: le bare aumentano e il commissario non esiste

di
30 Aprile 2020

L’emergenza non stenta a diminuire a Palermo. Non stiamo parlando del covid-19 ma dell’emergenza che da mesi è presente all’interno del cimitero dei Rotoli.

Due mesi fa il sindaco Orlando aveva annunciato la nomina di un commissario. Una conferenza stampa in pompa magna all’indomani dell’inchiesta per violazioni ambientali, abuso di ufficio e corruzione della procura di Palermo che ha visto coinvolti 10 dipendenti della Rap che lavoravano all’interno dei Rotoli e due medici dell’Asp. Un business illegale attraverso un giro di mazzette per la compravendita di sepolture.

Comandante Gabriele Marchese
Gabriele Marchese

Ma ad oggi di questo commissario all’interno del cimitero nemmeno l’ombra.

Ricordiamo che il primo cittadino aveva scelto per questo ruolo l’ex funzionario comunale Gabriele Marchese. Ma Marchese gli aveva dato un bel due di picche in quanto era disposto a ricevere l’incarico soltanto se Orlando era pronto a nominarlo nuovamente Comandante della polizia municipale. Ma così non è stato. Ad oggi Marchese è in pensione dopo aver salutato il sindaco e tutti gli assessori attraverso una lettera al vetriolo.

Comandante Vincenzo Messina
Vincenzo Messina

Quindi Orlando ha creato un piano B attraverso il nome dell’attuale comandante della polizia Municipale Vincenzo Messina. Ma ad oggi non ha mai formalmente accettato questo incarico.

Ai Rotoli l’emergenza aumenta come le bare. Pare siano intorno a 400 il numero di salme da tumulare. Il forno crematorio sembra essere inattivo per un guasto. Quindi le salme sono costrette ad essere cremate a Messina.

Dalle indiscrezioni che ilSicilia.it ha recepito a quanto pare stanno effettuando sotto quotidiana indicazione e presenza dell’assessore, lavori di demolizione/sostituzione di sepolture nella zona storica del cimitero Rotoli (operazione vietata da norme regolamentari e di legge) e il numero delle salme al di là delle dichiarazioni non accennano a diminuire.

Consideri che a tutt’oggi facciamo comprare le lastre per la Tumulazione alla famiglia“. Racconta Pino (nome coperto da privacy, ndr).

cimitero dei rotoliA cercare di sbrogliare questa matassa presente anche il funzionario comunale Calogero Miserendino: “Sono qui come molti altri. Non posso dirle altro”, afferma a IlSicilia.it il funzionario.

Ma ad oggi chi si occupa delle inumazioni all’interno del cimitero Rotoli? Pare sia ancora Reset a svolgere questo lavoro. La municipalizzata che ha creato scandalo; in cui i propri dipendenti imbrogliavano o si faceva pagare per scavalcare turni.

 

 

LEGGI ANCHE:

Mazzette per le sepolture a Palermo: inchiesta sul Cimitero dei Rotoli, 10 indagati

Orrore al cimitero dei Rotoli, Orlando attacca i dipendenti infedeli: “Farabutti”

Cimiteri a Palermo: Orlando nomina Marchese anzi no, sceglie il comandante Messina

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.