Palermo, Ferrandelli: "Comune paralizzato, si dimettano i vertici della Sispi" :ilSicilia.it
Palermo

"LE ISTITUZIONI NON SI CHIUDONO"

Palermo, Ferrandelli: “Comune paralizzato, si dimettano i vertici della Sispi”

di
22 Marzo 2020

“Abbiamo atteso, cercato di fare fronte comune e di far prevalere il senso di responsabilità e comunità allo scontro politico. Ma non serve a nulla e qui va tutto a scatafascio. L’amministrazione è lenta e dal mio punto di vista non all’altezza, le istruzioni cittadine non si chiudono e la Sispi (società partecipata del Comune per i servizi informatici) sta dimostrando di essere un carrozzone inefficiente“.

Questo il duro affondo del leader di +Europa in Consiglio Comunale a PalermoFabrizio Ferrandelli.

“Abbiamo necessità di interloquire con le istituzioni, di audire il Sindaco sui provvedimenti messi in campo e di intervenire con le nostre misure e proposte. Abbiamo bisogno di coordinare e controllare le attività della macchina amministrativa e delle sue controllate che sono allo sbando. Dalla gestione dell’azienda dei rifiuti (RAP), al cronoprogramma delle santificazioni in uffici e nei quartieri, alla gestione dei servizi di protezione civile a quelli di controllo e pattugliamento di strade ed esercizi commerciali.

Comuni più piccoli e anche delle nostre dimensioni si stanno mostrando capaci di gestire anche telematicamente l’emergenza.
Noi pure mettendo migliaia di euro ogni anno e da anni in Sispi siamo ancora fermi. Siamo pronti anche a richiedere l’autoconvocazione da sottoporre a chi non vuole abbandonare la nave. Le istituzioni devono funzionare è questa città, alla deriva in molti ambiti, deve poter essere controllata da chi come noi, all’opposizione, ha funzione di pianificazione, proposta e controllo.

Rileviamo, inoltre, che l’Amministrazione non ha colto la nostra disponibilità e volontà ad affiancarla nel coordinamento dell’emergenza così da far fronte comune e raccogliere tutte le sensibilità politiche intorno al governo di questo delicato momento. Più di così noi non potevamo fare! Adesso basta, è tempo di agire!”, conclude Ferrandelli.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.