Palermo, Ferrandelli: ”La bici il mezzo ideale per uscire dal lockdown, altro che tram” :ilSicilia.it
Palermo

La mozione del consigliere di +Europa

Palermo, Ferrandelli: ”La bici il mezzo ideale per uscire dal lockdown, altro che tram”

di
16 Aprile 2020

“La bicicletta come mezzo di trasporto ideale nel passaggio dal lockdown alla normalità”. Questa la proposta rilanciata dall’esponente nazionale di Più Europa Fabrizio Ferrandelli.

“Ecco che torna in campo la mia visione di mobilità dolce e sostenibile. Altro che nuove, insostenibili e fallimentari linee del Tram precisa Ferrandelli – L’ho ribadito stamane in Commissione Bilancio agli assessori al bilancio e alla mobilità, convocati alla presenza dei vertici Amat e della ragioneria generale. La condizione che stiamo vivendo a causa di un’emergenza che ci sta togliendo tanto, ci può portare però verso una nuova prospettiva. Una ripartenza che può può darci molto, se saremo in grado di rimodulare il nostro pensiero e la nostra azione.

Anche nei prossimi mesi l’accesso ai mezzi pubblici sarà limitato per tenere le distanze fra le persone, e l’uso delle auto private potrebbe portare traffico e inquinamento. Quale migliore mezzo della cara, vecchia e accessibile, bici? Rilancio quanto sostenuto in questi giorni dalla Fiab (Federazione italiana ambiente e bicicletta) in una lettera aperta in relazione all’ipotesi di far salire sui mezzi pubblici un numero contenuto di passeggeri (muniti di mascherina e guanti) tale da rispettare la distanza di un metro imposta dai decreti anti-Covid. Detta soluzione sicuramente ridurrà il rischio di contagio, ma allo stesso tempo comporterà che un alto numero di passeggeri abituali, non riuscendo a usufruire dei mezzi pubblici e in mancanza di valide alternative, farà ricorso all’utilizzo dei mezzi a motore privati.

Fiab propone la percorribilità di tutte le corsie preferenziali alle biciclette, la possibilità di parcheggiare le bici sui marciapiedi, la realizzazione di Zone 30 (dove la velocità massima consentita è 30 km all’ora), una campagna di comunicazione per la mobilità dolce e sostenibile, convenzioni con le società di bike sharing, agevolazioni per acquisto delle biciclette.

Ho appena depositato una mozione che raccoglie queste proposte – conclude Ferrandelli – e ne rilancia altre (mutuate dal lavoro tra associazioni e consiglieri comunali di Trento) come l’istituzione di ciclo- parcheggi protetti nei punti di interscambio, la creazione di un Ufficio biciclette, l’istituzione di nuovi percorsi ciclabili e progetti casa-lavoro, casa-scuola con dotazione di rastrelliere e servizi”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.