Palermo, Ferrandelli: "Orlando non può più stabilire priorità, si affidi al Consiglio comunale" :ilSicilia.it
Palermo

l'intervista

Palermo, Ferrandelli: “Orlando non può più stabilire priorità, si affidi al Consiglio comunale”

di
18 Maggio 2021

“La mia lettera di dimissioni da consigliere comunale è stata consegnata al notaio tre anni fa, ho già dimostrato di non essere attaccato alle poltrone“. Questa la premessa di Fabrizio Ferrandelli sulla sfiducia al primo cittadino. Una puntualizzazione che prelude a una proposta di fine consiliatura con priorità diverse da quelle individuate da Leoluca Orlando (ve ne abbiamo parlato qui) per evitare che l’ultimo anno di amministrazione prima delle elezioni finisca in “un commissariamento che non serve a nessuno“: “Il tema è consegnare una città vivibile a chi verrà dopo“, afferma Ferrandelli.

E allora il consigliere comunale propone di andare avanti in maniera costruttiva e ribalta il punto di vista: “Il sindaco accolga i suggerimenti che arrivano dal consiglio comunale” sulle necessità della città. Quali? Su questo Ferrandelli ha le idee chiare: “Per quanto riguarda il bilancio consolidato, si tratta di un atto dovuto, non esattamente una priorità – afferma –, va approvato per aumentare le ore del personale e far sì che gli uffici non restino sguarniti“, premette.

Ecco quindi che entra nel vivo della ‘questione politica’: “Non posso dimenticare che ci sono 878 salme ai Rotoli ancora in attesa di sepoltura. Invito il sindaco a sottoscrive la mozione che presenterò in Consiglio per l’acquisto di un nuovo forno crematorio in deroga al codice degli appalti: può farlo in quanto prima autorità sanitaria della città. Esistono somme già disponibili per questo intervento e, votando la mozione che ho presentato, avrebbe la copertura del Consiglio comunale“.“.

Una delle priorità indicate da Orlando è l’approvazione del Piano Triennale delle Opere Pubbliche. su questo Ferrandelli osserva: “A decidere se realizzare il tram in via Libertà o meno dovrà essere la prossima amministrazione, perché venga approvato, quindi, dovrà essere stralciato. Nel piano, invece, si deve parlare di forno crematorio e strutture cimiteriali cittadine“.

Quindi Ferrandelli propone la sua personale ricetta per risolvere, quantomeno temporaneamente, la questione delle concessioni di suolo pubblico ai commercianti che hanno accusato una crisi economica senza precedenti: “Vanno prorogate fino al 31 dicembre – afferma – o comunque fino a cessazione dell’emergenza sanitaria in città. Serve una deroga al regolamento comunale e la semplificazione delle procedure per richiedere la concessione utilizzando una semplice PEC“. e ancora: “Occorre prolungare la sospensione della Ztl fino alla fine del 2021“.

Ferrandelli sottolinea come sia necessario intervenire con azioni concrete per agevolare l’utilizzo del superbonus del 110% per le ristrutturazioni volte al risparmio energetico negli edifici: “Esiste un protocollo per la dotazione di tecnici a tempo determinato da impiegare negli uffici per accelerare il disbrigo delle pratiche al quale bisogna dare seguito – dice Ferrandelli –, da accompagnare con una semplificazione delle procedure per accedere al beneficio“.

Last but not leaast, l’emergenza rifiuti: “l’emergenza rifiuti: “Tra poche settimane saremo di nuovo sommersi dalla spazzatura – paventa Ferrandelli – La discarica di Bellolampo è satura: la sesta vasca si riempirà in breve tempo e la settima la aspettiamo da 26 mesi. La gara per mandare i rifiuti all’estero è certamente discutibile, ma va quantomeno resa operativa“, è la conclusione di Ferrandelli.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

E se fosse colpa del “mal bianco”?

La nostra città è come una bella pianta ammalata e piena del “mal bianco”, un grosso parassita che tarpa qualunque fioritura e che non permette ai fiori di schiudersi.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin