Palermo, Filoramo (PD): "Italia Viva? Atto vile. Lavoriamo al Comune oggi e domani" :ilSicilia.it
Palermo

caos in giunta

Palermo, Filoramo (PD): “Italia Viva? Atto vile. Lavoriamo al Comune oggi e domani”

di
20 Aprile 2021

“Professionisti nel far cadere i governi, pensavano di ripetere a Palermo l’esperienza romana”. E’ un giudizio durissimo quello espresso dal Segretario del Pd di Palermo, Rosario Filoramo. Nel bersaglio, Italia Viva e la crisi innescata a Palazzo delle Aquile.

Per Filoramo, gli esponenti renziani sarebbero fuggiti dalle proprie responsabilità per rifarsi una verginità dimenticando 4 anni di scelte condivise con l’Amministrazione targata Leoluca Orlando. “Inoltre – continua Filoramo – la relativa proposta di includere la Lega nella coalizione che guida la città è da rispedire al mittente. Il progetto della Lega è distante anni luce dai nostri valori e il PD è e rimane alternativo alla destra antieuropeista”.

In queste ore il Partito Democratico, che a Palazzo delle Aquile conta la presenza di due esponenti, torna protagonista del dibattito politico cittadino e si apre a due prospettive diverse. La prima, riguarda l’oggi. Per i democratici sarebbe finalmente arrivato un segnale di svolta da parte del Sindaco. “Oggi– dice il Segretario- è possibile un cambio di passo che porti a fine consiliatura. Nessun muro, ma una politica improntata al dialogo e all’accoglienza che riesca in tempi brevi a portare a casa risultati importanti. Cimitero, differenziata , opere pubbliche e interventi contro il dissesto idrogeologico senza lasciarsi sfuggire le opportunità del Recovery Fund”.

Sul domani, quindi rispetto alle prossime elezioni comunali del 2022, tutto si muove per creare un asse con le forze progressiste nello schema impostato a livello nazionale dal segretario Pd, Enrico Letta. Un ruolo importante dovranno svolgerlo il sindaco uscente, Leoluca Orlando che darà il suo contributo captando e ampliando le forze centriste. In secondo luogo, molto dipenderà dal nuovo Movimento Cinque Stelle che dovrebbe dare maggiori garanzie rispetto al passato, essendosi trasformato e istituzionalizzato nel tempo.

Per il resto, l’auspicio del Pd è che il Consiglio comunale, si dia da fare per attuare cambiamenti decisivi e che i nuovi assessori vengano scelti tra gli esponenti migliori della città. Nessun aumento della Tari, un nuovo Piano Triennale delle opere pubbliche e un Piano Regolatore soddisfacente. “Senza questi segnali dice Filoramo alle attuali condizioni, i palermitani verrebbero a cercare i consiglieri con i forconi“.

Quanto al Pd, Filoramo assicura che è “un partito unito: non ci sono i dem buoni e quelli cattivi, questo è un giochino da nulla. E sul possibile candidato a sindaco del centrosinistra dice: “Non abbiamo Maradona, ma siamo l’Atalanta. Come Pd offriremo due nomi alla coalizione, un uomo e una donna”.

 

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin