23 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 11.38
Palermo

L'esposizione da Artetika in via Noto a Palermo

Palermo, fino a sabato 14 aprile in mostra le tele e le maioliche di Ada Loffredo

12 Aprile 2018

Sarà visitabile ancora fino a sabato 14 aprile da Artetika, in via Noto 40, a Palermo, la mostra di Ada Loffredo intitolata “Elimina l’assenza, mostra l’essenza, diventa presenza!”.

L’esposizione è curata straordinariamente dall’artista Alex Caminiti ed è frutto dell’incontro fra Ada Loffredo e la gallerista Gigliola Beniamino Magistrelli.

Ada Loffredo opereCompongono il percorso espositivo venticinque dipinti ad olio su tela e sei maioliche. Ne viene fuori un’artista, che è anche una magnifica interprete dello spirito e della forza della vita, sia nelle tele che rappresentano la Natura, dove dipinge in particolare le adorate Madonie, sia nei ritratti di donne, così sensuali e puri nello stesso tempo.

Ada Loffredo, nata a Roma e residente a Palermo, sin dall’infanzia si è sempre dedicata al disegno e alla ceramica. Allieva di Aldo Pecoraino, si è accostata alla pittura seguendo un grado di professionalità che le consentisse di esprimere pienamente il suo talento e la sua poetica ricca e obiettiva.

La mostra può essere visitata con questi orari: 10,00 – 13,00 / 17,00 – 20,00. Info: 091.309428 – 327.1336080. Info@galleriartetika.it. Ingresso libero.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.