Palermo, folle inseguimento nella notte: ladro lancia una jeep in viale Regione | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

Beccato dai carabinieri

Palermo, folle inseguimento nella notte: ladro lancia una jeep in viale Regione | FOTO

18 Settembre 2018

SFOGLIA LE FOTO IN ALTO

È finita male la fuga di un abile ladro di autovetture avvenuta questa notte nel quartiere “Villaggio Santa Rosalia” di Palermo.

C. S., 19enne del quartiere “Falsomiele”, dopo aver forzato la serratura di un Mitsubishi Pajero, ed essersi messo alla guida dello stesso, è stato intercettato da una pattuglia del Nucleo Radiomobile dei Carabinieri di Palermo.

I militari, infatti, hanno notato che l’auto, verso le ore 04:00, procedeva in direzione di Viale Regione Siciliana, con marcia spedita ed a fari spenti, particolare che non sfuggiva al personale in servizio. I militari operanti decidevano quindi di affiancare l’autovettura, intimando l’Alt! Di tutta risposta,  il giovane conducente aumentava la velocità innescando un rocambolesco inseguimento ad alta velocità. La condotta spregiudicata è durata per circa 2 Km, fino a quando, il ladro, ormai sentitosi braccato, ha deciso di lanciarsi dal mezzo in marcia per tentare un’ulteriore estrema fuga a piedi.

La jeep, priva di conducente, continuando la corsa, ha scavalcato una banchina in cemento, oltrepassando anche il guard rail, invadendo trasversalmente la corsia centrale – direzione Trapani – di Viale Regione Siciliana,  principale arteria autostradale di questo centro. I militari, quindi, dopo aver arrestato la marcia, hanno inseguito il fuggitivo a piedi, bloccandolo dopo circa 200 metri.

«L’attività di indagine immediatamente posta in essere – scrivono i carabinieri – ha permesso di constatare che C.S., già gravato da pregiudizi penali per reati contro il patrimonio, aveva poco prima rubato l’autovettura utilizzata per la fuga, nello stesso quartiere, risultata di proprietà di un operaio palermitano.

La condotta posta in essere dal giovane ladro, denota oggettivamente l’insolita spregiudicatezza a non fermarsi all’Alt impostogli.

Le conseguenze della fuga potevano essere ben più gravi dei danni arrecati all’autovettura rubata ed alla banchina di viale Regione Siciliana, tanto da sfiorare di poco nella parte posteriore un mezzo in transito. Qualora fossero transitate delle autovetture sulla carreggiata invasa dalla jeep lanciata a folle velocità dal ladro, i danni agli utenti della strada sarebbero stati sicuramente maggiori».

Il giovane , dovrà quindi rispondere dell’accusa, di furto aggravato e resistenza a pubblico ufficiale.

Il giovane è stato trattenuto presso gli uffici del Nucleo Radiomobile in attesa di essere giudicato con rito direttissimo, che si celebrerà oggi e disposto dalla competente Autorità Giudiziaria che ha coordinato le indagini.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Magistratura e politica

Dal blog "Segreti e non misteri", Alberto Di Pisa riflette sul difficile rapporto fra magistratura e politica, in uno sistema di diritto come quello italiano.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.