17 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 21.40
Palermo

chiusa al traffico la via Ruffo di Calabria

Palermo, frana tra Baida e Boccadifalco: Figuccia, “Residenti in pericolo” | VIDEO

11 Gennaio 2019

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Come volevasi dimostrare. È stata sufficiente qualche pioggia e mezzo costone tra Baida e Boccadifalco è venuto giù come un castello di sabbia, provocando la chiusura al traffico automobilistico la via Ruffo di Calabria e, soprattutto, mettendo in seria apprensione i residenti della zona”, a dichiararlo è Sabrina Figuccia, consigliere comunale dell’Udc, che a seguito di questo crollo questa mattina ha effettuato un sopralluogo: “Dopo il crollo del costone su un lungo tratto della strada, il Comune ha pensato bene di arginare il problema mettendo qualche metro di rete arancione e bloccando il traffico delle auto”.

sabrina-figuccia

Un accorgimento buono soltanto per l’immediato, ma certo non risolutivo del problema, considerato che già qualche mese fa, nel giugno 2018, lo stesso Comune aveva emesso un avviso scioccante, con il quale consigliava i cittadini a “trasferire le camere da letto nelle stanze più distanti dal monte”.

Ma è proprio necessario aspettare che ci scappi il morto affinchè il Comune intervenga? Che aspetta il Sindaco, che ha la responsabilità dell’incolumità dei palermitani, a provvedere a mettere in sicurezza il costone?“.

Probabilmente Orlando è troppo occupato a fare comizi in tv e passerelle sui giornali per cercare di risolvere concretamente i veri problemi della città”, conclude Sabrina Figuccia.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.