Palermo, Gelarda: "Al Comune mi chiamano sbirro, orgoglioso di esserlo" :ilSicilia.it
Palermo

DOPO L'INCHIESTA "GIANO BIFRONTE"

Palermo, Gelarda: “Al Comune mi chiamano sbirro, orgoglioso di esserlo”

di
5 Marzo 2020

Igor Gelarda, capogruppo Lega consiglio comunale a Palermo, interviene sulle intercettazioni relative all‘inchiesta “Giano bifronte” che ha causato un vero terremoto politico al Comune di Palermo.

«Scopro dai giornali di essere anche io citato nelle intercettazioni del processo Giano bifronte, che ha coinvolto imprenditori, consiglieri comunali e funzionari del Comune di Palermo. Una triste vicenda per la quale la Lega ha chiesto le dimissioni del Sindaco Orlando e l’invio degli ispettori ministeriali per valutare se ci siano le condizioni per lo scioglimento del Consiglio comunale per infiltrazioni mafiose. In una conversazione intercettata, due dei personaggi coinvolti nella storia si rivolgono a me chiamandomi “sbirro”, dando per scontato con questo che io sia impermeabile a certe cose e non avvicinabile per certi scopi».

Il riferimento è alla conversazione tra Fabio Seminerio e Giovanni Lupo.

«Posto che per me la politica deve essere al servizio di tutti e non di interessi personali, meno che mai di interessi loschi, l’essere chiamato “sbirro” in questo caso è per me motivo di orgoglio. Per quanto il termine nella lingua siciliana venga spesso usato con connotazioni negative e dispregiative, in questo caso è piuttosto sinonimo di persona con la schiena dritta. Persona si “pericolosa“, ma solo per chi non segue la retta via».

 

 

LEGGI ANCHE:

Corruzione, arrestati a Palermo i capigruppo di Pd e “Italia viva” al Comune | VIDEO

Terremoto al Comune di Palermo, il pentito: “Li Castri è persona del sindaco Orlando”

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin