Palermo, Gelarda: "Orlando sta con le sardine? Pensi a gestire la città" :ilSicilia.it
Palermo

Lega: "Sindaco politicamente scorretto"

Palermo, Gelarda: “Orlando sta con le sardine? Pensi a gestire la città”

di
22 Novembre 2019

“Ancora una volta siamo di fronte a un intollerabile presa di posizione ideologica del sindaco Orlando. Non è politicamente corretto che il sindaco faccia aderire al movimento delle sardine l’amministrazione comunale”. A dirloIgor Gelarda capogruppo della Lega e responsabile regionale degli enti locali.

“Se vuole aderire a livello personale o vogliono aderire altri consiglieri lo facciano, ma questa è l’ennesima violenza che lui sta compiendo nei confronti dei cittadini di Palermo, che dimentica fin troppo spesso di rappresentare. È lo stesso principio della bandiera transgender posta sui pennoni di Palazzo delle aquile, in mezzo alle bandiere ufficiali. Dove una cosa è il rispetto per le iniziative e le manifestazioni, e ben altra cosa il fatto che lui vuole imporre a Palermo e ai palermitani certe sue prese di posizione ideologiche. C’è una sola cosa di cui si deve occupare ed è la città di Palermo. Aderisca piuttosto al suo ruolo di sindaco di una città che è in fondo a tutte le classifiche sulla qualità della vita d’Italia, Grazie anche alla sua cattiva gestione politica”.

 

LEGGI ANCHE:

Orlando: “Il Comune di Palermo aderisce al movimento delle sardine”

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

La rabbia e il giro del corridoio magico

Benvenuti nel mio “corridoio magico” dal quale mi auguro uscirete cambiati grazie all’induzione e all’attivazione dell’energia inconscia che rivoluziona e riassetta i processi spontanei di autoguarigione ed evoluzione
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.