Palermo, giallo al cimitero dei Rotoli: scoperto in un baule lo scheletro di una bimba :ilSicilia.it
Palermo

Inizialmente sembrava una mummia

Palermo, giallo al cimitero dei Rotoli: scoperto in un baule lo scheletro di una bimba [FOTOGALLERY]

di
20 Dicembre 2017
Ninfa [Foto A.F.]
Baule [Foto A.F.]
Biglietto [Foto A.F.]
Biglietto [Foto A.F.]
Ninfa [Foto A.F.]
Ninfa [Foto A.F.]
Ninfa [Foto A.F.]
Ninfa [Foto A.F.]
Lo scheletro della bimba Ninfa [Foto ANSA]
Foto di Antonio Fiasconaro

 

PALERMO. Un mistero aleggia al cimitero dei Rotoli di Palermo. Come riporta oggi il quotidiano La Sicilia di Catania in prima pagina, con un articolo del collega Antonio Fiasconaro«Scoperta la mummia di una bambina. Chi è? Da dove viene? Un enigma in piena regola. Dentro il piccolo baule dove é custodita un piccolo foglietto di quaderno a quadri con scritto S. PROSPERO 25 SETTEMBRE 1977».

In realtà, non è una mummia, come si credeva. Ma questo è l’unico mistero finora svelato sulla piccola trovata in un baule durante in un deposito del cimitero dei Rotoli. Una settimana fa la scoperta della piccola; oggi un esame dei resti da parte dell’antropologo fisico Dario Piombino-Mascali, studioso di mummie e ispettore della Sovrintendenza ai Beni culturali di Palermo.

L’ispezione ha consentito di accertare che il corpo della bambina non è stato sottoposto a processi di mummificazione. Lo scheletro è rivestito con un abito prezioso e imbracato in una armatura di fil di ferro appositamente allestita. Il capo, che presenta tracce di una fasciatura, è ornato da una coroncina di rose. Ma la scoperta più sorprendente è venuta dall’ispezione del baule. Sono venuti fuori frammenti di ossa, alcune di persone adulte, e un biglietto con la scritta “San Prospero”. E una data: 25 settembre 1977. Questa è l’unica traccia sulla storia della piccola che viene così riportata a 40 anni fa (potrebbe essere l’epoca della morte).

Le condizioni del corpo e la cura di conservazione fanno pensare che la piccola, a cui è stato dato il nome di Ninfa come quello di una delle antiche patrone di Palermo, sia stata esposta da qualche parte. Come sia finita al cimitero dei Rotoli è un giallo. Nessuno degli addetti era informato della sua presenza. L’unico eventuale testimone dell’arrivo del baule è don Giuseppe Calafiore, parroco del cimitero, che però è morto sette anni fa. L’ispettore Dario Piombino-Mascali, curatore delle mummie dei cappuccini di Palermo, esclude che il corpo sia stato mummificato. “Ci sono varie tracce – dice – di interventi. Ma non sono chiare le ragioni del trattamento”. E soprattutto non trova spiegazione il fatto che l’ingresso del baule non sia stato annotato nei registri del cimitero. Sui risultati dell’ispezione Piombino-Mascali farà una relazione alla Sovrintendenza.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin