Palermo: Giovanni Tarantino nuovo coordinatore di Forza Italia giovani :ilSicilia.it
Palermo

SU PROPOSTA DI ANDREA MINEO

Palermo: Giovanni Tarantino nuovo coordinatore di Forza Italia giovani

21 Gennaio 2020

Giovanni Tarantino è il nuovo coordinatore palermitano di Forza Italia Giovani.

La nomina è arrivata dal presidente Silvio Berlusconi, su proposta del coordinatore regionale, Andrea Mineo. Tarantino è stato il più giovane candidato alle scorse amministrative tenute nel capoluogo siciliano, a soli diciannove anni.

Forza Italia – dichiara il coordinatore di FI Giovani Sicilia, Andrea Mineo riparte da volti nuovi ma che hanno già un’esperienza. Tarantino è un giovane volitivo, capace e presente sul territorio. Sono sicuro che farà bene portando nuove energie e argomenti al nostro movimento.

Questa nomina – commenta Giovanni Tarantino – è per me un grande motivo di orgoglio. Sono molto legato a Forza Italia e diventare coordinatore cittadino devo ammettere che mi emoziona molto. Mi attende una importante sfida, in vista ci sono impegni importanti. C’è un gran lavoro da svolgere, giovani da coinvolgere e incentivare alla partecipazione attiva e sono certo che, grazie al fondamentale aiuto di tutta la squadra, raggiungeremo numerosi traguardi. Il mio obiettivo sarà anche quello di farmi carico di portare avanti sul territorio le esigenze della comunità, cercando di riportare in cima all’agenda politica quelle tematiche che oramai troppo spesso vengono tralasciate, come la disoccupazione giovanile e la conseguente emigrazione di tanti giovani siciliani verso città con tassi occupazionali più elevati“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Magistratura e politica

Dal blog "Segreti e non misteri", Alberto Di Pisa riflette sul difficile rapporto fra magistratura e politica, in uno sistema di diritto come quello italiano.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.